Selvaggia Lucarelli vs Gabriele Muccino/ “Non hai dimostrato colpevolezza di Silvio”

- Silvana Palazzo

Selvaggia Lucarelli contro Gabriele Muccino: regista ritira querela contro fratello Silvio, giornalista lo attacca. “Non hai dimostrato la sua colpevolezza”, ed è botta e risposta su Twitter

gabriele_muccino_facebook
Gabriele Muccino (Foto: Facebook)

Gabriele Muccino conferma di aver ritirato la querela per diffamazione contro suo fratello Silvio. Lo ha fatto sui social, con un tweet che ha innescato un botta e risposta con Selvaggia Lucarelli. «Mi interessava che un giudice, con tutti i documenti alla mano, lo rinviasse a giudizio. E questo è accaduto. Non mi interessa la sua condanna. Chiudo così questa parentesi triste e insensata», ha twittato il regista. E allora la giornalista del Fatto Quotidiano ha replicato: «Ok, però a) se si denuncia per una questione di principio, va ricordato che le questioni di principio impegnano la macchina giudiziaria e costano soldi ai contribuenti b) se la questione era il principio serviva il processo, il rinvio a giudizio non è una prova di colpevolezza». Allora Gabriele Muccino ha ribattuto: «Manca la lettere c: si tratta di tuo fratello». A tal proposito Selvaggia Lucarelli ha proseguito: «Certo, e sono felice per entrambi che non ci sia un processo, ma come ho spiegato se la questione era il principio l’hanno pagata i poveri contribuenti e non si è neppure risolta, perché rinvio a giudizio non significa colpevolezza. Tutto qui».

SELVAGGIA LUCARELLI CONTRO GABRIELE MUCCINO PER LA QUERELA RITIRATA

Il giudice monocratico del tribunale di Roma ha dichiarato concluso il processo. Silvio Muccino era stato rinviato a giudizio per aver diffamato il fratello nel 2016 durante una intervista. Aveva infatti definito Gabriele un uomo violento e lo aveva accusato di aver aggredito l’ex moglie Elena Majoni, perforandole il timpano con uno schiaffo. Era il 3 aprile 2016 quando Silvio Muccino attaccò il fratello, poi ribadì le sue parole in alcune interviste, considerate dalla procura offensive della reputazione e dell’onore di Gabriele, che aveva sporto querela. L’avvocato di parte civile Carlo Longari, che rappresentava Gabriele Muccino, al Corriere della Sera ha spiegato il motivo per il quale il suo assistito ha deciso di ritirare la querela. «Si è comportato da fratello maggiore chiudendo una vicenda che lo aveva molto ferito». Invece l’avvocato Michele Montesoro, che rappresenta Silvio Muccino, ha spiegato: «La brutta lite tra fratelli è stata composta. Adesso potranno continuare la loro professione senza dover comparire in tribunale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA