Serena Enardu contro Pago/ “Cose gravi? Mezzucci poco chiari per far credere…”

- Stella Dibenedetto

Serena Enardu si sfoga su Instagram e risponde a Pago che aveva parlato di “cose gravissime” dopo la fine della storia d’amore: “non è successo niente”.

serena enardu min
Serena Enardu, sfogo su Instagram
Pubblicità

Serena Enardu si lascia andare ad un amaro sfogo su Instagram dopo le dichiarazioni rilasicate da Pago al settimanale Chi. Il cantante, al magazine diretto da Alfonso Signorini, parlando della fine della storia d’amore con l’ex tronista di Uomini e Donne durata sette anni, aveva dichiarato: “È successo qualcosa di troppo grave. Non potrò mai più avere fiducia in lei. Mi sono ritrovato di nuovo vagabondo d’amore senza casa, senza macchina, senza Serena. Mi ha deluso, mi ha fatto ancora del male. Parlerò quando mi sentirò di farlo”. Parole a cui, oggi, Serena ha decisodi rispondere attraverso una serie di storie pubblicate su Instagram in cui, senza citare esplicitamente l’ex compagno, fa riferimento alle sue dichiarazioni chiarendo come, in realtà, non sia successo nulla di grave.

Pubblicità

SERENA ENARDU CONTRO PAGO: “SI RICAMA SULLE VICENDE IN MODO IMBARAZZANTE”

La storia d’amore tra Serena Enardu e Pago è finita. Un addio che è arrivato nonostante i tentativi della coppia di ricostruire il rapporto dopo la crisi scoppiata in seguito alla partecipazione a Temptation Island Vip. Tuttavia, secondo quanto sostiene Serena non sarebbe successo niente di gravi. “Si ricama sulle vicende in maniera imbarazzante. C’è chi ha bisogno di questi mezzucci per vendere, chissà cosa, chissà quando. Chi se ne frega, tanto ormai ho capito che o i diretti interessati o chi per loro utilizza questi mezzucci poco chiari per far credere qualcosa alle persone, ha spiegato l’ex tronista ai followers su Instagram. “Non è successo proprio niente, ragazzi”, ha aggiunto per poi chiudere il discorso. Pago, invece, dopo le dichiarazioni rilasciate a Chi, si sta dedicando alla musica, in particolare al nuovo singolo “Tu lo sai”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità