Serena Enardu “Ho chiuso due negozi per la crisi”/ “Devastata, brutto periodo e Pago non aveva capito…”

- Fabiola Iuliano

Serena Enardu parla del suo passato lavorativo, dei due negozi chiusi per la crisi e di come sia riuscita ma lancia una frecciata a Pago…

serena enardu 640x300
Serena Enardu al Grande Fratello vip

Forte del suo passato televisivo, Serena Enardu oggi è una delle concorrenti del Grande Fratello Vip 2020. Volto amatissimo di Uomini e Donne, vanta quasi 500 mila follower sui social, dove condivide, con costanza, gli scatti delle sue sponsorizzazioni. Oggi, infatti, la fidanzata di Pago è un’influencer di successo, amatissima soprattutto dalle ragazze più giovani; in passato, però, il suo lavoro era un altro, un lavoro a cui ha dovuto rinunciare suo malgrado. “Ho aperto il mio primo centro Vodafone nel 2009, poi ne ho aperto un altro”, ha raccontato Serena Enardu ripercorrendo i suoi primi passi nel commercio. “Li gestivo, ma nel 2016 ho chiuso tutto – ha svelato – Ho dovuto! Perché, con la crisi, le cose sono cominciate ad andare male”. Le difficoltà avrebbero pesato anche sugli incassi del periodo di Natale, forse influenzati anche dalla vendita online “che ha rivoluzionato tutto, ha devastato molto”. Una svolta che secondo Serena Enardu avrebbe segnato profondamente il commercio: “Dieci anni fa era impossibile trovare una serranda con il cartello affittasi, ora è pieno”.

SERENA ENARDU: “HO CHIUSO I NEGOZI, NON SAPEVO COSA FARE …”

Dopo aver abbassato la saracinesca dei suoi due negozi, Serena Enardu si è dovuta rimboccare le maniche per trovare un’altra fonte di guadagno: “Ho messo a reddito la casa al mare, poi ho chiuso proprio, ho detto ‘devo chiudere’ non sapendo cosa fare, perché la mia vita era quella. Io – sottolinea la fidanzata di Pago – ho comprato casa a Quartu Sant’Elena perché ero convinta che avrei fatto per tutta la vita quel mestiere, ero certa. Sono uno di quegli imprenditori che, e per fortuna, ha avuto una chance, anche perché ho cominciato a lavorare su internet”. Dopo aver dovuto dire addio ai suoi negozi, Serena Enardu ha quindi deciso di puntare tutto sui social, dove le aziende “anche per gioco, anche per tempo libero, hanno cominciato a contattarmi”. E oggi è grata di poter puntare su questo: “ho incominciato a lavorare lì e penso che io, comunque, sono stata fortunata ad avere avuto questa possibilità e di sfruttare quest’altro ramo, che è un altro modo di vendere, in realtà”.

SERENA ENARDU: “UN BRUTTO PERIODO, PAGO? NON HA CAPITO”

Serena Enardu ha tracciato un bilancio della sua vita lavorativa, svelando che altri imprenditori, dopo la crisi degli ultimi anni, non sono riusciti a rimboccarsi le maniche. “Io ho dei colleghi che hanno dovuto chiudere come ho chiuso io e magari avevano 50, 60 anni con famiglia a carico e sono nella mer*a. Io – spiega a Enardu – mi sono potuta reinventare, perché avevo quest’altra carta. Ma certi miei colleghi sono nella mer*a”. Abbassare la saracinesca e dire addio ad anni di sacrifici, però, non è stato di certo semplice: “Io sono stata malissimo – ha precisato la gieffina – però ho chiuso. Ho vissuto un bruttissimo periodo. Con Pago ho parlato, però lui questa cosa non l’ha capita. Per me è stato un fallimento, una frustrazione, paura, perché avevo comunque da finire di pagare il mutuo, mio figlio. Ero devastata. Per lui che ha vissuto… lo avete sentito il suo passato, non era così grave, per me era gravissimo”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA