Serena Morandi, la morte della figlia di Laura Efrikian e Gianni Morandi/ “Visse 9 ore, non l’abbiamo vista”

- Elisa Porcelluzzi

Serena, la prima figlia di Gianni Morandi e Laura Efrikian, nacque prematura all’ottavo mese e visse solo 9 ore. Il dramma della giovane coppia.

Laura Efrikian e Gianni Morandi in una foto d’epoca
Laura Efrikian e Gianni Morandi in una foto d’epoca

Chi  era Serena Morandi figlia di Laura Efrikian e Gianni Morandi

Laura Efrikian e Gianni Morandi, prima dei figli Marianna e Marco, erano diventati genitori di una bambina, Serena, vissuta solo poche ore. Oggi l’ex attrice è una nonna felice che si gode i cinque nipoti, due avuti dalla figlia Marianna con il cantante Biagio Antonacci, e tre dal figlio Marco, ma non ha mai potuto dimenticare la perdita della figlia. Era il 1967, Morandi e la Efrikian erano sposati solo da un anno. “Gianni in quel momento era esploso, era difficile nascondere la gravidanza. Non pensi mai possa finire male, soprattutto quando hai 20 anni”, ha raccontato Laura Efrikian a Caterina Balivo nel salotto di “Vieni da me”. E ha aggiunto: “Partorii prematura, a otto mesi. Ho i ricordi a pezzi: la neve, la corsa in clinica, la sala operatoria. Poi torno in camera, e vedo che mi portano solo fiori. Dopo un po’ tornano le infermiere, prendono i fiori e li portano via”.

Serena Morandi: il dolore di Laura Efrikian e Gianni Morandi

Serena Morandi visse solo 9 ore e nessuno dei due genitori riuscì a vederla. Fu Gianni Morandi a comunicare alla giovane moglie quanto successo alla bambina: “Ho sentito la voce di mio padre che diceva ‘qualcuno glielo dovrà dire’. Gianni venne e fu molto bravo, trovò le parole giuste: due ragazzi che affrontano una tragedia”, ha dichiarato Laura Efrikian. Anche Gianni Morandi, intervistato da Silvia Toffanin a Verissimo, ha ricordato quel difficile e doloroso momento della sua vita: “Era nata una bambina, la mia prima figlia, che morì subito dopo. Queste cose sono strane. Mi avevano rimandato la naia, perché era appena nata la bambina e poi dopo morì. Ti mandano subito la cartolina e dicono che devi partire ugualmente. Siccome non sei più padre, devi andare a fare il militare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA