Serie A d’estate/ Cinque sostituzioni per fronteggiare il gran caldo: sarà così?

- Mauro Mantegazza

Serie A d’estate: proposte cinque sostituzioni per fronteggiare il gran caldo, considerando anche che il calendario sarà intenso, se si riparte. Come potrebbe essere…

Ranieri Italia
Claudio Ranieri

La Serie A d’estate potrebbe portare ad alcune innovazioni, come ad esempio le cinque sostituzioni per squadra in ogni partita, invocate già da molti allenatori se si dovesse tornare a giocare a ritmo sostenuto nei mesi di giugno-luglio. Naturalmente la premessa di tutte queste ipotesi è che si riesca effettivamente a tornare a giocare, dunque che si verifichino tutte le condizioni necessarie per far ripartire il calcio nella massima sicurezza.

Se sarà effettivamente così, naturalmente ci troveremmo di fronte a mesi di giugno-luglio (eventualmente anche agosto) molto intensi, con 12 giornate di campionato complete più alcuni recuperi e dunque per alcune squadre anche 13 partite solamente considerando il campionato di Serie A, numero che crescerà ancora per chi è impegnato pure in Coppa Italia, Champions League ed Europa League. Questo vorrebbe dire che frequenti turni infrasettimanali saranno inevitabili proprio nel periodo più caldo dell’anno: da qui la richiesta delle cinque sostituzioni.

SERIE A D’ESTATE: CINQUE SOSTITUZIONI CONTRO IL PERICOLO CALDO

Va detto che ormai si gioca praticamente sempre nel calcio: tra giugno e luglio naturalmente avremmo avuto gli Europei, se il 2020 fosse stato un anno normale. Tuttavia è certamente anomalo avere in piena estate da giocare come minimo 12 partite, ma per alcune squadre anche ben di più, compattate in un periodo che dovrebbe essere di circa un mese e mezzo per completare i campionati e poi un’appendice per le Coppe europee. Grande ritmo, per di più dopo una lunga pausa nella quale per diverse settimane non ci si è nemmeno allenati: la gestione delle forze diventerà fondamentale e avere cinque sostituzioni potrebbe in effetti essere molto importante.

Logicamente ci aspettiamo che le partite siano tutte disputate in fasce orarie serali, ma in piena estate anche alle 20.45 (per non parlare delle 18) afa e umidità possono essere devastanti, dunque dosare le forze sarà decisivo. Sicuramente rivedremmo anche i “time-out” per rinfrescarsi e rifocillarsi, che da soli però sono poco: ecco perché lo strano calcio del 2020 potrebbe proporci anche le cinque sostituzioni e non solo in caso di tempi supplementari, che in campionato naturalmente non sono previsti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA