Ses*o a tre davanti a comando Polizia/ Coronavirus, “così passiamo la quarantena”

- Dario D'Angelo

Sesso a tre davanti comando della Polizia Municipale: è successo a Rimini, dove dei ragazzi hanno deciso di sfidare la quarantena da coronavirus.

Bimba in coma per una pallottola sparata dalla polizia
Immagine di repertorio (LaPresse, 2019)
Pubblicità

Hanno pensato di sfidare la quarantena. E per farlo hanno deciso di fare le cose “in grande”. Così tre ragazzi, una 21enne palermitana, un 38enne riminese e una 22enne di Frosinone si sono prodotti in un video hard davanti al comando della Polizia Municipale, tra Rimini e Bellaria, che li ritraeva nell’atto di fare del sesso a tre. Quest’assurda vicenda, questa inspiegabile provocazione ai tempi del coronavirus, risale allo scorso 28 marzo, ma è venuta a galla soltanto oggi grazie a Rimini Today. Partiamo dal suo epilogo: i ragazzi sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico. Ma a questo provvedimento, l’unico che sarebbe contestato all’allegra combriccola in un’epoca precedente alla pandemia, si aggiungeranno quelli per la violazione delle misure stabilite dal decreto governativo sul contenimento del contagio.

Pubblicità

SESSO A TRE DAVANTI COMANDO DI POLIZIA: “COSI’ PASSIAMO LA QUARANTENA…”

A fare in modo che i tre venissero individuati è stata proprio una segnalazione fatta a Rimini Today: grazie a questa dritta, le forze dell’ordine sono state in grado di risalire all’auto usata, una Mini. Durante la scena di sesso a tre, pare che i protagonisti si siano poi resi protagonisti di frasi alquanto provocatorie nei confronti della polizia e dei divieti governativi: “Così che passiamo la quarantena: sc****do davanti alla polizia. Sbirri di me**a”, alcune delle dichiarazioni riportate da Rimini Today. Merita però una menzione il commento che avrebbe fatto il padre del 38enne quando la polizia gli si è presentata a casa: “Ho un figlio scemo, lo volevo buttare fuori di casa”. Resta una domanda: perché arrivare a questo? I ragazzi hanno detto di aver caricato i video in rete e di aver visto che quelli girati in modo da “sfidare la quarantena” ottenevano più visualizzazioni. Il resto è “storia”…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità