Setta Gallinaro “raggiri ai fedeli”/ Chiesa scismatica Nuova Gerusalemme: le accuse

- Niccolò Magnani

Chiesa Nuova Gerusalemme, le accuse di rituali e raggiri ai fedeli: blitz contro la “setta di Gallinaro”, la difesa degli scismatici a Pomeriggio 5

Chiesa di Gallinaro "Nuova Gerusalemme"
Chiesa di Gallinaro "Nuova Gerusalemme" (sito web)

Nella nuova puntata di Pomeriggio 5 si parlerà della strana vicenda legata alla “Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme” e del suo “sommo pontefice Samuele Norcia”: una chiesa scismatica – scomunicata per questo nel 2016 da Papa Francesco – che predica un culto diverso da quello cattolico più “cristocentrico” (a parole ovviamente) e con il motto preferito che risulta «Meglio morire piuttosto che tradire». Ne scriveva la Stampa già diversi mesi fa, «I meccanismi interni assomigliano, tuttavia, a quelli di un gruppo chiuso con leggi non scritte, strani rituali, giuramenti di silenzio, pressioni psicologiche. Se sei fuori, puoi dire addio a chi è rimasto dentro. Inclusi amici e familiari»; se ne parla però oggi dopo il blitz lanciato negli scorsi giorni dalle autorità contro la “chiesa” rinominata dalle inchieste “Setta di Gallinaro”.

LE ACCUSE ALLA “SETTA DI GALLINARO”

Le accuse contro la “setta” – di cui però il braccio destro del “sommo pontefice Samuele”, Pasquale, afferma in diretta a Pomeriggio 5 «noi non siamo una setta, ma una chiesa che si è distaccata da quella cattolica perché si è distanziata dagli originari dettami di Gesù Cristo» – sono però molto gravi: «sarebbe stata realizzata un’associazione per delinquere, che avrebbe raggirato numerosi fedeli, convincendoli a vendere le loro proprietà appropriandosi così di ingenti somme». Il caso è molto delicato visto che le indagini sono ancora in corso con 15 indagati a seguito di vari cittadini che hanno denunciato queste pressioni psicologiche e presunti “ricatti”: «Il provvedimento scaturisce nell’ambito di un’attività d’indagine volta a svolgere accertamenti e verifiche a seguito di numerose segnalazioni pervenute in ordine a presunte indebite condotte di varia natura, realizzate dai promotori e seguaci del citato credo religioso», hanno fatto sapere gli inquirenti contro la Chiesa della Nuova Gerusalemme dedicata al “Culto del Bambin Gesù” di Gallinaro. Tale culto risale al 13 giugno del 1947 quando una bimba, Giuseppina Norcia, raccontò di aver visto Gesù Bambino scendere dal cielo in una nuvoletta; nel corso degli anni venne costruito il santuario e in fretta quel luogo è diventato meta di migliaia di fedeli. Nel 2008 Maria Giuseppina Norcia è morta lasciando le responsabilità della chiesa al nipote, Samuele Norcia, oggi pontefice massimo della chiesa scismatica della Nuova Gerusalemme.



© RIPRODUZIONE RISERVATA