Sigarette elettroniche, nuovo allarme Usa/ “Malattie polmonari misteriose”: 100 casi

- Emanuela Longo

Sigarette elettroniche, nuovo allarme: negli Usa si indaga su 100 casi di “malattie polmonari misteriose”. C’è un collegamento con l’uso del dispositivo?

Sigaretta elettronica
Sigaretta elettronica

Sebbene le sigarette elettroniche abbiano fatto registrare un boom negli ultimi tre anni, con un incremento di +1.740%, non si placano i dubbi da parte della comunità scientifica in merito ai possibili pericoli per la salute. Non è un caso se, come spiega RagusaOggi.it, in 14 Stati degli Usa l’accento sia ricaduto su circa 100 casi di malattie polmonari misteriose che potrebbero essere legate in qualche modo all’uso di sigarette elettroniche. Il dato preoccupante riguarda i pazienti affetti da queste malattie, soprattutto adolescenti e giovani adulti. Stando a quanto riporta il Washington Post, alcuni pazienti sarebbero stati ricoverati ed altri sarebbero in Terapia Intensiva, sottoposti a ventilazione. Fino allo scorso venerdì i casi confermati erano 31 mentre le segnalazioni erano state molte di più. Secondo i sanitari non è ancora possibile stabilire con certezza se i soggetti colpiti riusciranno a rimettersi totalmente. Tra i sintomi lamentati da coloro che sono attualmente in cura, si segnalano difficoltà respiratorie, fiato corto e forti dolori al petto. A questi si aggiungono anche febbre, tosse, nausea e diarrea.

SIGARETTE ELETTRONICHE E RISCHI PER LA SALUTE: “MISTERIOSE MALATTIE POLMONARI”

Secondo le autorità sanitarie, non è ancora chiaro se queste malattie polmonari misteriose siano connesse all’uso di sigarette elettroniche o piuttosto ai liquidi impiegati. I pazienti hanno segnalato l’uso di varie sostanze tra cui nicotina, prodotti a base di marijuana e “preparati in casa”. In precedenza dei casi isolati di malattie polmonari legate alla vaporizzazione erano già stati osservati dai sanitari, come spiegato dalla dottoressa Emily Chapman del Children’s Minnesota Children’s Hospital, senza tuttavia riscontrare uno schema preciso. In merito ai possibili rischi per la salute legati a questi dispositivi è ampiamente noto che non è possibile stabilire con certezza quali problemi potrebbero avere nel luogo periodo. I casi finora al vaglio sono difficili da identificare poichè i sintomi iniziali sembrano quelli tipici di una infezione. Attualmente i pazienti sono in cura con antibiotici e apporto di ossigeno ma non avrebbero evidenziato alcun miglioramento. La dottoressa Chapman tuttavia non avrebbe dubbi: ci sarebbe una correlazione tra sigarette elettroniche e malattie polmonari. “Penso che sia importante notare che lo svapo di sigarette elettroniche è considerato da molti sicuro, anche se a malapena lo sappiamo”, ha commentato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA