SIMON YATES POSITIVO AL COVID-19: ADDIO GIRO D’ITALIA/ Scoppia la bolla delle squadre

- Dario D'Angelo

Simon Yates positivo al Covid-19 lascia il Giro d’Italia. Perforata la bolla delle squadre: la Mitchelton Scott parte, ma nubi si addensano sulla Corsa Rosa

simon_yates_rosa_lapresse_2018
Simon Yates in maglia rosa (LaPresse)

Simon Yates è positivo al Covid-19. Arriva come un fulmine che squarcia l’apparente serenità del Giro d’Italia 2020 la notizia del contagio del corridore della Mitchelton-Scott. Si tratta della prima positività da quando, sabato scorso, la Corsa Rosa è partita da Monreale, ma tanto basta per dire che la “bolla” delle squadre è stata perforata. Il ciclista britannico, arrivato al Giro come uno dei grandi favoriti, salvo crollare al primo arrivo in salita, quello della terza tappa sull’Etna, avrebbe accusato alcune linee di febbre dopo il traguardo di ieri a Brindisi. Come da protocollo, Yates è stato subito sottoposto a tampone rapido che ha dato esito positivo: risultato confermato da un secondo test nelle ore successive. Inevitabile l’abbandono della Corsa Rosa prima della partenza dell’ottava tappa, la Giovinazzo-Vieste di oggi.

SIMON YATES POSITIVO AL COVID-19: ADDIO GIRO D’ITALIA

Alla luce della notizia della positività di Yates sorge spontaneo domandarsi se l’incubazione del virus non abbia in realtà contribuito in maniera decisiva a compromettere le prestazioni (fin tropyatpo deludenti) di un corridore che soltanto pochi giorni prima aveva dimostrato di essere in grande condizione alla Tirreno-Adriatico. Un portavoce della Mitchelton-Scott ha ricostruito in una nota la vicenda: “Simon ha sviluppato sintomi molto lievi nelle ore successive alla settima tappa e il nostro team medico ha subito richiesto un test rapido che indicava un risultato positivo. Successivamente è stato eseguito un secondo test RT-PCR, che ha confermato il risultato. Yates è stato isolato nella sua stanza singola durante tutta la procedura e sta per essere trasportato in sicurezza da un’ambulanza in un luogo dove la sua quarantena possa ottenere le migliori cure possibili. I suoi sintomi rimangono molto lievi. I restanti corridori e il personale Mitchelton-Scott sono stati sottoposti a un test rapido, ognuno dei quali ha restituito un risultato negativo. Hanno ricevuto l’autorizzazione dalla Rcs Sport per continuare a correre e, per precauzione, saranno sottoposti a ulteriori test nei prossimi giorni“. Il protocollo anti-Covid attuato al Giro d’Italia è infatti molto diverso da quello applicato al Tour de France, dove bastavano due positivi al coronavirus per mandare a casa l’intera squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA