Simpson censurati ad Hong Kong/ Episodio di Piazza Tienanmen rimosso da Disney+

- Davide Giancristofaro Alberti

I Simpson vengono censurati ad Hong Kong: l’episodio in cui la famiglia di Homer si reca a Piazza Tienanmen, tolto dal catalogo di Disney+

homer_divano_simpson
Italiani pigri e sedentari - Homer Simpson sul divano

Scatta la censura de I Simpson ad Hong Kong. Come riferito da numerosi organi di informazione italiani e internazionali in queste ultime ore, i famosi cartoni animati con protagonista Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie, sono stati vietati nella nota colonia cinese. Disney+, il colosso di streaming che detiene i diritti sui cartoni in questione, ha precisamente eliminato dal proprio catalogo per la trasmissione in quella zona del mondo, l’episodio in cui si fa riferimento a Piazza Tienanmen, luogo in cui avvenne la famosa strage di manifestanti del 1989 e in cui si verificò l’iconica scena dell’uomo che tentava di opporsi ad un carro armato a mani nude.

Si tratta precisamente, come ricorda il portale Movieplayer.it, della dodicesima puntata della sedicesima stagione dei Simpson, che appunto risulta al momento non accessibile a tutti gli utenti che si trovano in Asia e appunto ad Hong Kong (basta comunque modificare il proprio indirizzo IP per vederla anche in quelle parti del mondo).

SIMPSON CENSURATI AD HONG KONG: EPISODIO DI PIAZZA TIENANMEN VIENE RIMOSSO DA DISNEY+

Ma cosa succede di preciso nell’episodio? La famiglia Simpson fa visita a Pechino e alcune scene vengono appunto ambientate nella storia piazza. In particolare vi sono dei passaggi che ricordano proprio la rivolta studentesca dell’estate di 32 anni fa, e che ha provocato la morte di centinaia di persone. Se da una parte in Cina questi fatti sono stati censurati per anni, ad Hong Kong, invece, si è cercato sempre di tramandarli, anche con una statua che è stata eretta in un’università locale.

Peccato però che recentemente il governo cinese abbia fatto sentire il “proprio peso” sulla colonia, introducendo leggi molto severe che limitano la libertà dei cittadini, e di conseguenza si è proceduto con la “tagliola”. Così, dopo che le manifestazioni del 2020 e di quest’anno sono state annullate, ufficialmente per covid, si è deciso di rimuovere anche la statua di cui sopra, e quindi a farne le spese sono stati anche i Simpson. Disney+, interrogata sulla questione, non ha commentato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA