Sinead O’Connor, la malattia/ “Soffro di agorafobia, sto morendo di fame”

- Emanuele Ambrosio

Sinead O’Connor, la cantante di “Nothing Compares 2 U”, lancia un appello sui social: “sono qui per chiedervi aiuto. Sto morendo di fame”

Sinead O'Connor

Sinead O’Connor, la cantante di “Nothing Compares 2 U“, non sta bene. Proprio così la cantautrice irlandese di anni 53 in queste ore ha lanciato un vero e proprio “sos” sui social condividendo un appello ai suoi fan e al pubblico. “Ok sono qui per chiedervi aiuto” – esordisce così l’artista conosciuta in tutto il mondo per la struggente ballad dedicata alla madre e pubblicata nel 1990. Ma cosa ha Sinead? “Soffro di agorafobia e non posso andare a fare la spesa. Sto morendo di fame” – ha scritto l’artista che in questi anni non ha mai fatto segreto di soffrire di diversi problemi di natura mentale. Solo quattro anni fa l’artista aveva lasciato la sua casa di Chicago senza farci ritorno per diversi giorni e allarmando la polizia che la ritrovò diversi giorni dopo in uno stato confusionale. L’anno dopo, nel 2017, intervistata dal Dr. Phil, la cantante irlandese ha confessato di aver tentato per ben otto volte il suicidio e di essere stata torturata dalla madre. Segni indelebili che hanno segnato la vita e la salute mentale di una delle voci più belle della musica mondiale che nel corso degli anni si sono fatti sempre più insuperabili portandola a soffrire di agorafobia, ossia la paura di uscire in spazi aperti e non familiari.

Sinead O’Connor e la malattia: “sto morendo di fame”

Una terribile malattia con cui Sinead O’Connor sta convivendo da diversi anni senza però esserne uscita. “Negli ultimi anni, mesi e settimane ho vissuto segretamente con un trauma fisicamente paralizzante e correlato a un caso di bassa autostima acuta e ultimamente non mangio perché mi ha reso così agorafobica che non posso andare a fare la spesa. E sto morendo di fame”. Con queste parole Sinead O’Connor ha raccontato ai fan e a tutto il pubblico la sua malattia che l’ha spinta anche a lasciare la musica. La situazione però sembrerebbe essere arrivata ad un punto di non ritorno, visto che la cantautrice irlandese in queste ore ha lanciato un grido d’aiuto tramite i social ai suoi fan: “qualcuno può dirmi se in Irlanda ci sono servizi di consegna di pasti per persone con problemi di salute mentale la cui capacità di prendersi cura di sé è stata ridotta? Mangerei la fo***ta gamba dell’Agnello di ***”. Un appello a cui i fan hanno risposto quasi subito visto che poco dopo l’artista ha scritto: “tutto bene ora. Ho trovato il servizio di consegna dei pasti. Sono sazia e felice”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA