Sofia Melnyk e Pascal Albanese/ La difesa dell’uomo sospetta… (La Vita in Diretta)

- Alessandro Nidi

Sofia Melnyk e Pascal Albanese: spuntano nuovi indizi sul caso di Cornuda. La difesa dell’uomo: “Sul suo corpo abbiamo trovato…”

pascal albanese sofiya melnyk chi lha visto

Sofia Melnyk e Pascal Albanese. Novembre 2017. Lei scompare, lui viene trovato morto. Lei è stata picchiata e gettata in un dirupo sul Grappa, lui invece si è suicidato. O forse no? Come emerso nella puntata odierna de “La Vita in Diretta”, ci sono alcune telefonate registrate tra Sofia e Pascal, nelle quali sembra che lui sappia tutto. Sono stati inoltre rilevati segni particolari sul suo corpo da parte della difesa. L’avvocato Rinaldi ha spiegato: “La famiglia di Pascal e noi difensori non abbiamo mai creduto al suicidio. Scientificamente abbiamo rilevato impronte sulle ginocchia di Pascal, che indicano come lo stesso in epoca prossima alla morte sia rimasto inginocchiato. Lui è stato trovato perpendicolare al pavimento, dunque chi lo ha posto in quella posizione? C’è anche un segno attorno al polso: chi l’ha legato?”.  Lapidario il commento della criminologa Roberta Bruzzone: “La Procura evidentemente ha individuato anomalie, in quanto l’indagine risulta tuttora aperta”.

SOFIA MELNYK E PASCAL ALBANESE: SPUNTA UN MEDICO CHE…

La villetta di Cornuda è stata dissequestrata nei mesi scorsi e riconsegnata ai familiari, che dichiarano “La casa l’abbiamo trovata in ordine, perfettamente in ordine. A parte le lenzuola, ogni cosa era al suo posto. C’era un odore pungente di sostanze chimiche, collegabile alla presenza e alle rilevazioni eseguite dai RIS”. Quanto alla doppia vita di Sofia, l’avvocato della famiglia di Pascal ha asserito: “Sono stati invitati presso il nostro studio gli uomini collegabili a lei, ma nessuno si è presentato. La nostra attenzione si è focalizzata soprattutto su un altro medico, che abbiamo scoperto aver regalato a Sofia un ulteriore appartamento e che dovrebbe averla incontrata a ridosso della scomparsa”. La madre di Pascal chiosa: “Mio figlio non si è ucciso, non c’erano segnali sul fatto che la storia d’amore con Sofia fosse finita”. Dello stesso avviso la sorella della vittima: “Lui era sempre sereno, non l’abbiamo mai visto agitato”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA