Somalo accoltella 5 persone sul bus a Rimini/ Ferito alla gola bambino di 5 anni

- Alessandro Nidi

Somalo sorpreso senza biglietto sul bus dà in escandescenze e accoltella i controllori e altre tre persone a Rimini: arrestato dalle forze dell’ordine

carabinieri 3 lapresse1280 640x300
LaPresse

Tragedia a Rimini nella serata di oggi, sabato 11 settembre 2021, quando un passeggero somalo a bordo di un bus della linea 11, di fronte alla richiesta da parte di due controllori di esibire il biglietto, ha dato in escandescenza e ha accoltellato cinque persone, fra cui un bambino, colpito alla gola. In particolare, l’uomo ha estratto improvvisamente il coltello e ha ferito in primis le due addette al controllo del tagliando di viaggio e, venendo inseguito dagli agenti, si è scagliato contro altre tre persone, fra le quali anche il bimbo sopra menzionato e una donna.

Come riportano alcune fonti di informazione romagnole, pare fortunatamente che le due donne controllori non abbiano riportato gravi lesioni: l’aggressore a quel punto ha abbandonato il pullman, ha minacciato l’autista affinché gli aprisse la porta ed è scappato a piedi, provando addirittura a prendere possesso di un’automobile, muovendo minacce ai danni del guidatore. Insomma, una fuga improvvisata e violenta, che ha però trovato un naturale epilogo…

SOMALO ACCOLTELLA 5 PERSONE E ANCHE UN BAMBINO: ARRESTATO

Lo straniero, originario della Somalia, ha poi provato a fare perdere le proprie tracce passando per la massicciata della ferrovia, ma è stato raggiunto e, finalmente, arrestato dalla polizia. Il fermo è stato disposto dal pubblico ministero Davide Ercolani, coordinatore delle indagini. Al momento nessuna pista è esclusa per quanto riguarda il movente. Seguiranno sicuramente ulteriori aggiornamenti nelle prossime ore, a cominciare da ciò che riguarda le condizioni di salute delle persone rimaste ferite nella folle aggressione dell’uomo.

Su di loro, al momento, non si hanno novità e la speranza, naturalmente, è che non abbiano rimediato gravi danni fisici in occasione dell’attacco subito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA