Sondaggi politici/ Gradimento governatori: Zaia al 54,7%, De Luca supera Bonaccini

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici, gradimento presidenti di Regione: Zaia in testa, seguono De Luca e Bonaccini. Recovery Fund: italiani possibilisti.

sondaggi politici
Luca Zaia, governatore del Veneto (LaPresse)

Dopo aver analizzato le intenzioni di voto, passiamo ai sondaggi politici legati al gradimento dei leader, in particolare dei governatori. La gestione dell’emergenza coronavirus è stata diversa da regione a regione, alcuni presidenti si sono messi in luce più di altri ed un dato resta confermato rispetto alle precedenti rilevazioni: Luca Zaia resta il governatore più amato d’Italia. I dati di Roma Tre e Lab 21 per Affaritaliani mettono in risalto che il numero uno del Veneto raccoglie il 54,7% di gradimento su scala nazionale, che sale al 71,2% se si considera solo il giudizio dei veneti.

Medaglia d’argento al governatore campano Vincenzo De Luca, che si attesta al 52,8% a livello nazionale, al 70,9% a livello territoriale. Subito dopo troviamo Stefano Bonaccini: il presidente dell’Emilia Romagna è al 43,5% a livello nazionale, al 59,7% a livello territoriale. Sempre a livello territoriale, seguono Donatella Tesei (58,8%), Nicola Zingaretti (58,5%), Enrico Rossi (55,7%), Giovanni Toti (51,5), Christian Solinas (51,3%), Jole Santelli (49,9%) e Nello Musumeci (49,8%).

SONDAGGI POLITICI: I DATI SUL RECOVERY FUND

Passiamo adesso ai sondaggi politici di Termometro Politico che accendono i riflettori sul Recovery Fund, lo strumento economico che ha infuocato il dibattito all’interno dell’Unione Europea. Le rilevazioni del portale evidenziano che l’opinione degli italiani è piuttosto positiva, anche se non mancano sfumature differenti. Per il 34% degli intervistati il Recovery Fund è un traguardo molto positivo, mentre per il 30,5% è un traguardo positivo solo se non vi sono condizionalità.

Per tre italiani su dieci, dunque, è necessario adottare uno strumento che non preveda condizioni di alcun tipo, lo stesso dibattito che non si placa a livello nazionale e Ue. Dando ancora uno sguardo al sondaggio di TP, il 6% degli intervistati vorrebbe che sia la Commissione Europea a gestire direttamente il denaro e non gli Stati. Infine, per il 15,9% il Recovery Fund è una trappola che porterebbe la troika nel Paese, mentre un 11,3% ritiene che il fondo ci legherebbe ad una Unione Europea da cui si dovrebbe uscire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA