Sondaggi politici/ Lega al 23,4%, Pd a -3%. 51,2% per no obbligo di vaccino Covid

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici: nuovo calo per il Carroccio, mentre FdI continua a crescere. Buon balzo per Forza Italia: +0,4% in due settimane

sondaggi politici
Matteo Salvini, leader Lega (LaPresse, 2020)

Salvini e Zingaretti in calo, Meloni e Berlusconi in crescita: questo un estremo riassunto della Supermedia Youtrend per Agi dei sondaggi politici. Come dicevamo, la Lega perde consensi ma continua a restare saldamente primo partito d’Italia: il Carroccio è al 23,4%, -0,6% rispetto a due settimane fa. Passo indietro anche per il Partito Democratico: i dem passano dal 20,6% al 20,4%. Il distacco adesso è di 3 punti percentuali. Ancora buone notizie per Fratelli d’Italia, che guadagna lo 0,1% e si attesta al 16,1%. Nessuna novità per il Movimento 5 Stelle, che resta fermo al 15,1%, mentre Forza Italia guadagna lo 0,4% ed è quotato al 7,1%. Passiamo adesso ai partiti minori di Centrosinistra: Italia Viva di Matteo Renzi è al 3,3% (-0,2%), La Sinistra al 3,2%, esattamente come Azione di Carlo Calenda. Infine, troviamo +Europa al 2,1% (+0,1%) ed i Verdi all’1,5% (-0,2%).

SONDAGGI POLITICI: I DATI SUL VACCINO COVID

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo dei sondaggi politici grazie alle rilevazioni di Index Research per Piazzapulita. L’istituto ha chiesto agli italiani se hanno intenzione di fare il vaccino Covid appena possibile: il 52,3% ha risposto sì, ma la percentuale è precipitata di 16,5 punti percentuali in 21 giorni. Giù anche la quota di chi ha risposto no, il 23,4%. Aumenta esattamente del 19,7% la percentuale degli indecisi, oggi al 24,3%: il 5 novembre era al 4,6%. Index Research ha poi chiesto agli italiani se il vaccino Covid dovrebbe essere obbligatorio: per il 51,2% no, mentre per il 44,6% sì. Il 4,2% ha preferito non rispondere. Infine, chiudiamo con i sondaggi politici di Euromedia per Porta a Porta sul cenone di Natale: il 61,7% degli italiani replicherà quanto fatto a Pasqua, ovvero tavolata solo con i familiari più stretti, mentre il 26,7% allargherà le fila ai parenti che vivono nello stesso comune, come i nonni. Il 5,3%, invece, pensa ad un Natale senza novità rispetto agli anni passati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA