Sondaggi politici/ Lega al 23,4%, Pd al 20,3%. 54% per vaccino Covid facoltativo

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici e intenzioni di voto: un italiano su due chiede la chiusura degli impianti sciistici, 64% ritiene rischiosa la messa di Natale.

sondaggi politici
Matteo Salvini (LaPresse, 2019)

Salvini e Zingaretti in calo, ma anche la Meloni non se la passa meglio: questo un estremo riassunto dei sondaggi politici di Quorum per Mezz’ora in più. In vetta alla classifica troviamo ancora la Lega: il Carroccio perde lo 0,4% e si attesta al 23,4%. -0,5% invece per il Partito Democratico, che passa dal 20,8% al 20,3%. Perdita più contenuta per i Fratelli d’Italia, quotato oggi al 15,4% (-0,3%). Nonostante ciò, aumenta il divario con il Movimento 5 Stelle: i grillini perdono lo 0,4% e scendono al 15%. Nessuna novità invece per Forza Italia: gli azzurri di Silvio Berlusconi restano al 6,9%. Qualche variazione positiva per i partiti di Centrosinistra: La Sinistra passa dal 3,4% al 3,6%, mentre Azione guadagna lo 0,3% e sale al 3,2%. Stabile Italia Viva di Matteo Renzi al 3%. Infine troviamo +Europa al 2,6% (+0,4%) e Verdi all’1,8% (+0,1%).

SONDAGGI POLITICI: I DATI SULL’EMERGENZA COVID

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo dei sondaggi politici grazie alle rilevazioni di EMG Acqua per Agorà. L’istituto di Masia ha fatto il punto sull’emergenza coronavirus e ha chiesto un giudizio sull’opportunità di partecipare alla messa di Natale: per il 64% è un rischio e quindi sarebbe per il no. Per il 29% va salvaguardata, mentre il restante 7% ha preferito non rispondere. Passiamo adesso a uno dei dossier più roventi, quello legato al vaccino Covid: per il 54% dovrebbe essere facoltativo per tutti, mentre per il 42% dovrebbe essere obbligatorio per tutti. Il restante 4% ha preferito non rispondere. Infine, i sondaggi sugli istituti sciistici: per il 50% devono restare chiusi, mentre per il 38% devono essere aperti con regole e limitazioni molto rigorose. Per un altro 9% devono poter essere aperti come negli anni scorsi. Il 3% ha preferito non rispondere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA