Sondaggi politici/ Lega al 30,2%, Fratelli d’Italia al 12,2% insidia il M5s

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici e intenzioni di voto: per il 50,4% il Governo ha agito in modo irresponsabile nell’affrontare l’emergenza coronavirus.

salvini ue coronaivurs
Matteo Salvini, Lega (LaPresse, 2020)

Giorni delicati per il Governo per l’emergenza Coronavirus, con il premier Conte al centro dell’attenzione per lo scontro con le Regioni del Nord e alcune mosse ritenute azzardate. Cosa ci dicono i sondaggi politici? La supermedia Youtrend/Agi disegna uno scenario abbastanza chiaro: la Lega di Matteo Salvini resta primo partito con il 30,2% dei consensi, in calo dello 0,2%. Subito dietro troviamo il Partito Democratico, in crescita dello 0,2%: i dem si attestano al 20,8%. Il Movimento 5 Stelle resta ancorato al 14,3% e deve fare i conti con l’ascesa di Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni è quotato al 12,2%, in crescita dello 0,7%. Forza Italia è in calo al 6,0% (-0,3%), così come Italia Viva: il partito di Matteo Renzi perde lo 0,3% e scende al 4%. Infine, troviamo La Sinistra al 2,9%, in crescita dello 0,2%.

SONDAGGI POLITICI, L’EMERGENZA CORONAVIRUS

Come dicevamo, sono i giorni dell’emergenza coronavirus e l’attenzione dell’opinione pubblica va al Covid_19, che ha causato 21 morti e oltre 800 contagi solo in Italia. Il sondaggio di Termometro Politico per Coffee Break riguarda proprio il virus arrivato dalla Cina:il 56,4% non si è detto preoccupato per se o i suoi familiari per l’epidemia. Il 17,2% ha affermato di temere per la propria salute e per quella dei familiari, mentre il 24,9% ha spiegato di temere specialmente per i familiari anziani. Solo l’1,5% non si è espresso. E come ha agito il Governo per gli italiani? Il 50,4% ha risposto: «Ha agito in modo irresponsabile, avrebbe dovuto mettere in quarantena già un mese fa tutti coloro che provenivano dalla Cina». Il 45,8% ha invece risposto: «Ha fatto quello che andava fatto con misure anche più stringenti che nel resto d’Europa, ma l’epidemia era inevitabile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA