SONDAGGI POLITICI/ Lega al 30,6%, crolla M5s: affluenza in rialzo al 62%

- Niccolò Magnani

Sondaggi politici, la crisi del M5s: Ghisleri “sotto il 20% costante, Rousseau non serve mentre sui territori”. Lega primo partito, Pd e Italia Viva…

luigi_dimaio_giuseppe_conte_premier_m5s_lapresse_2018
Luigi Di Maio e Giuseppe Conte (Foto: LaPresse)

Gli ultimi sondaggi politici tracciano un nuovo scenario e non mancano i colpi di scena. I dati raccolti da BiDiMedia evidenziano un cambio di rotta con la presenza di due formazioni nuove nel campo del Centrosinistra. Valutando variazioni e flussi, Italia Viva di Matteo Renzi non ha una provenienza univoca dei consensi: se molti di questi arrivano dal Partito Democratico, il nuovo progetto politico dell’ex premier pesca voti in tutto il campo del Centrosinistra, così come dall’area moderati di Centrodestra (Forza Italia in particolare) e dal bacino degli astenuti. Per il momento non si tratta di grandi numeri, evidenzia l’istituto di sondaggi, ma saranno interessanti in tal senso le prossime rilevazioni di voto. Buone notizie per quanto riguarda l’affluenza: secondo l’ultimo sondaggi, si attesta intorno al 62%. Per quanto riguarda gli indecisi, invece, vengono rilevati al 15%. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

SONDAGGI POLITICI, GHISLERI: “M5S SOTTO IL 20%”

Intervenuta durante l’odierna puntata di L’Aria che Tira con Myrta Merlino, la direttrice dei sondaggi politici Euromedia Alessandra Ghisleri prova a riflettere sul periodo di costante crisi del Movimento 5 Stelle all’indomani della festa “Italia 5 Stelle” di Napoli per il decennale della nascita del M5s: «I sondaggi non premiano il Movimento 5 Stelle. Hanno bisogno dei territori: i sondaggi lo lasciano al di sotto del 20 per cento ed anche il fatto che la piattaforma Rousseau non sia coinvolgente con l’opinione pubblica, hanno bisogno dei territori». Per la n.1 di Euromedia, la possibilità di crescita del M5s potrebbe essere legata alla presenza in pianta stabile del Premier Conte come “nuovo” leader dei grillini, accantonando Di Maio «Molto dialogante, è una figura del nuovo Movimento. La sua presenza in Campania è fondamentale perché da lì potrebbe ripartire. Con la vecchia legge elettorale i territori di Avellino eccetera sono andati al Movimento 5 stelle ma ora i sondaggi non sono premianti» conclude la Ghisleri.

BIDIMEDIA (13 OTTOBRE): PESO COALIZIONI, CDX AVANTI

Secondo i nuovi sondaggi politici espressi da Bidimedia, il peso della coalizioni vedrebbe una partita senza alcuna storia qualora a possibili future elezioni politiche si presentassero da una parte il Centrodestra e dall’altra Centrosinistra e M5s divisi. Con le ultime intenzioni di voto infatti FdI e Lega confermano la loro crescita (più netta quella di Giorgia Meloni, 8%) e proiettano la coalizione con anche Forza Italia all’attuale 48,9%, alle soglie del 50%. Ebbene, per gli stessi sondaggi politici però se Centrosinistra (30% da solo) e M5s (19,2%) decidessero di andare insieme come si vedrà ora in Umbria e in Calabria allora il risultato potrebbe comunque essere assai vicino a quello di Salvini-Meloni-Berlusconi. Con dem e grillini assieme il dato sulla fiducia raggiunge il 45,7%, uno scarto minimo con il Centrodestra che significherebbe battaglia fino all’ultimo voto in una prossima, magari neanche troppo lontana, campagna elettorale per le Politiche nazionali.

EMG (10 OTTOBRE): LE INTENZIONI DI VOTO

Nei sondaggi politici espressi la scorsa settimana da Emg Acqua – in attesa delle nuove rilevazioni che verranno presentate tra stasera e domani – la Lega prosegue nel suo saliscendi rimanendo comunque il primo partito d’Italia. Al 32,7% secondo i dati Emg, Salvini mantiene il primato in attesa di vedere come si concretizzeranno i consensi nelle prossime Elezioni Regionali, Umbria in primis dove è previsto un testa a testa contro il candidato congiunto Pd-M5s. I sondaggi politici esprimono poi al secondo posto un Pd ancora in “sella” nonostante la scissione di Matteo Renzi con Italia Viva (4,5%): Zingaretti “tiene” al 19,2% mentre non va per niente bene il M5s che perde ancora e finisce al 18,7% per nulla in ripresa. Boom di Fratelli d’Italia che continua la crescita e si proietta al 7,8%, davanti a Forza Italia al 7% e in calo ancora con qualche voto “perso” verso Italia Viva; male ancora le sinistre, con +Europa al 2% che tiene dietro tutti gli altri, da la Sinistra al 1,7%, a Europa Verde all’1,6% fino alla lista di Calenda-Richetti al 1,3%.

SONDAGGI EMG ACQUA (10 OTTOBRE): FIDUCIA NEI LEADER

Se la Lega nonostante l’opposizione resta comunque in testa, anche la fiducia nei leader politici espressa dagli stessi sondaggi politici certifica come il Governo giallorosso abbia ancora come primo problema principale per le prossime sfide elettorali l’ex Ministro Matteo Salvini. Nei dati espressi il 10 ottobre scorso, il leader del Carroccio resta il primo politico d’Italia con il 40% di consenso personale, seguito dal Premier Conte in lieve discesa al 36%; per niente male, come del resto raccontano anche le intenzioni di voto Emg, Giorgia Meloni che viene vista come politico credibile e di fiducia dal 29% degli intervistati. Segue poi Luigi Di Maio al 25% dei consensi appena davanti al Segretario Pd Nicola Zingaretti (23%), mentre addirittura meglio del fondatore di Italia Viva Matteo Renzi (15%) fa l’ex Premier e leader FI Silvio Berlusconi. Addirittura, tra gli “scissionisti” del Pd riesce a tenere la stessa credibilità negli elettori la piccola lista “Siamo Europei”: Carlo Calenda al 15%, come Renzi, rappresenta un bacino di fiducia dall’elettorato centrista che rischia di sovrapporsi per l’appunto al fu Sindaco di Firenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA