Sondaggi politici/ Pd al 21,5%, Lega sale al 18,9%. In calo FdI

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici e intenzioni di voto, i dati di Euromedia Research per La Stampa: 53,4% condivide le nuove norme per contrastare la pandemia

sondaggi politici
Enrico Letta alle Primarie del Pd a Roma (laPresse, 2021)

Interessanti aggiornamenti quelli che ci arrivano dai sondaggi politici di Euromedia Research per La Stampa. Le rilevazioni dell’istituto diretto da Alessandra Ghisleri confermano il Partito Democratico in testa alle intenzioni di voto: i dem guadagnano lo 0,2% e si portano al 21,5%. Buone notizie per la Lega: il Carroccio di Matteo Salvini passa dal 17,8% al 18,9%. Battuta d’arresto, invece, per Fratelli d’Italia, in calo dell’1% e quotato al 18,5%.

I sondaggi politici di Euromedia Research segnalano il pesante ribasso del Movimento 5 Stelle: i grillini perdono lo 0,9% e si attestano al 14,8%. Forza Italia è all’8,8%, +0,1% rispetto alla precedente rilevazione, mentre Azione di Carlo Calenda guadagna mezzo punto percentuale e si porta al 4,3%. Mdp – Articolo 1 è al 2,3% (-0,1%), seguito a stretto giro di posta da Italia Viva di Matteo Renzi al 2,2% (+0,2%). Infine segnaliamo +Europa al 2%, Federazione dei Verdi – Europa Verde all’1,7% e Sinistra Italiana all’1,5%.

SONDAGGI POLITICI: I DATI DI EUROMEDIA RESEARCH

I sondaggi politici di Euromedia Research per La Stampa hanno poi fatto il punto della situazione sulle disposizioni del governo per contrastare la pandemia. Il 53,8% condivide le ultime novità per arginare la pandemia: il 13,4% molto, il 40,4% abbastanza. Il 38,7% è del parere opposto: il 19,2% le condivide poco, il 19,5% per nulla. Passiamo adesso ai sondaggi politici sull’obbligo vaccinale per gli over 50 introdotto dall’esecutivo per contenere il rialzo di casi positivi: quasi sette italiani su dieci, il 69,9%, condividono la misura. Per il 60,7%, inoltre, le ultime indicazioni del governo presenti nell’ultimo decreto del 5 gennaio sull’emergenza Omicron sono chiare, mentre il 39,3% la pensa diversamente.







© RIPRODUZIONE RISERVATA