Sondaggi politici/ Quirinale: 30% con Draghi, poi Berlusconi (14%). Flop Franceschini

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici e intenzioni di voto, i dati di Ipsos: grande divisione sulla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni

sondaggi politici
Premier Mario Draghi al G7 in Cornovaglia (LaPresse, 2021)

Manca sempre meno all’elezione del presidente della Repubblica e i sondaggi politici di Ipsos per Di Martedì riportano novità a dir poco interessanti. Tre italiani su dieci, il 30%, vorrebbero Mario Draghi al posto di Sergio Mattarella. Ma la notizia più sorprendente è un’altra: al secondo posto della classifica di gradimento troviamo Silvio Berlusconi al 14%…

I sondaggi politici di Ipsos quotano gli altri possibili candidati sotto il 10%: Liliana Segre al 7%, Marta Cartabia al 6%, Elisabetta Casellati e Dario Franceschini al 3%, Pierferdinando Casini al 2% e Marcello Pera all’1%. C’è un dato da non sottovalutare: il 34% degli intervistati ha preferito non rispondere al quesito, o comunque ha scartato uno dei nomi sopra citati.

SONDAGGI POLITICI: I DATI DI IPSOS

Passiamo adesso ai sondaggi politici di Ipsos per Di Martedì legati a Matteo Renzi e alle sue attività extra-politiche. Ebbene, la maggioranza degli intervistati bacchetta il leader di Italia Viva: per il 77% non è giusto che un parlamentare riceva compensi da un governo straniero. Solo il 9% lo considera corretto, mentre il 14% ha preferito non rispondere al quesito.

E’ il momento di andare a conoscere i dati aggiornati sulla pandemia, in particolare sui vaccini. E c’è grandissima divisione sulla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni: per il 44% non è giusto vaccinare i più piccoli, sì invece per il 42%. Il restante 14% non indica. Una riflessione anche sui no vax: per il 61% stanno mettendo tutto il Paese a rischio con il loro comportamento, mentre per il 26% è giusto che possano continuare a manifestare ed a rifiutare il vaccino.







© RIPRODUZIONE RISERVATA