Sondaggi politici e intenzioni di voto/ Centrodestra in crescita al 46,8%, M5s+Pd…

- Niccolò Magnani

Sondaggi politici, la Supermedia YouTrend delle ultime due settimane: Lega al 31,4% ma in calo, Pd-M5s non fanno meglio. Boom Renzi-Meloni: le intenzioni di voto

sondaggi politici
Renzi vs Salvini (LaPresse, 2019)

Continuiamo il viaggio tra i sondaggi politici passando ai dati delle coalizioni secondo la supermedia di Youtrend. Il centrodestra si conferma in testa con il 46,8%, in crescita dello 0,5% rispetto alla precedente rilevazione: se la Lega deve fare i conti con un rallentamento, la coalizione è trascinata dal boom di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Buone notizie per il Centrosinistra: la coalizione guidata dal Partito Democratico si attesta al 27,2%, in crescita dell’1,3%. Continua la discesa del Movimento 5 Stelle, con il partito di Luigi Di Maio che torna sotto il 20% (19,5%). Passando al gradimento dei leader: se il premier Conte vede aumentare il proprio credito, secondo i dati di EMG Acqua il 20% degli italiani ritiene che a contare maggiormente sia Matteo Renzi. Solo il 12%, invece, ritiene che sia Luigi Di Maio. (Aggiornamento di Massimo balsamo)

SONDAGGI POLITICI: LEGA AL 31%, BOOM RENZI-MELONI

Nella nuova Supermerdia di sondaggi politici YouTrend – compiuta con tutti i principali istituti di sondaggi con le intenzioni di voto degli ultimi 15 giorni – la Lega tocca il punto più basso del 2019 con il 31,4% anche se resta stabilmente il primo partito. Non va per niente bene neanche il Pd che non perde tanto quanto la Lega (-0,2 vs il -0,7%) ma comunque al 19,8% diminuisce la sua crescita dopo la nascita del Governo Conte-bis. M5s in lieve perdita conferma come l’elettorato dei tre grandi partiti d’Italia sia in decisa flessione: 19,8% secondo la Supermerdia YouTrend per Di Maio e Soci, alle prese con diverse fratture interne su leadership e alleanze verso le Regionali. Chi invece sale e non poco sono Fratelli d’Italia – con Giorgia Meloni al 7,9%, +0,5% in due settimane – e Italia Viva di Matteo Renzi che dopo la scissione dal Pd sale al 4,5% (+0,4%). Tiene botta Forza Italia che col 6,6% resta ancora a tallonamento di FdI, mentre è crollo deciso di +Europa dopo la crisi interna per i pro-contro Governo Conte, 1,8% a meno 0,7% in sole due settimane. Chiudono i sondaggi politici “mediati” La Sinistra l 2% e Verdi all’1,8%.

EUROMEDIA (8 OTTOBRE): LE INTENZIONI DI VOTO

Nella penultima puntata di Porta a Porta sono stati presentati gli ultimi sondaggi politici forniti da Euromedia Research, indicanti un recupero importante della Lega di Salvini dopo alcune settimane di calo succedute alla crisi di Governo e alla nascita del Conte-2. Non si può dire lo stesso per Pd e M5s che, per ragioni diverse, stentano a decollare e si avvicinano ai mesi cruciali della Manovra dove il gradimento potrebbe ulteriormente calare, salvo provvedimenti “shock” che possano invertire la rotta anche del consenso. Stando ai dati forniti dalle intenzioni di voto presentate, la Lega risale al 32% mentre il Movimento 5 Stelle si ferma al 19,3% nonostante la legge ottenuta sul taglio dei Parlamentari. Male il Partito Democratico che indietreggia fino al 17,8%, complice la buona affermazione di Italia Viva di Renzi che col 5,5% rosicchia ancora voti a Zingaretti e ai Dem.

SONDAGGI EUROMEDIA (8 OTTOBRE): CDX BATTE M5S-PD (MA DI POCO)

Sempre nei sondaggi politici di Euromedia gli altri partiti del Centrodestra si confermano nella stessa linea d’onda di queste settimane: Meloni in avanti, col 7,7%, con il suo Fratelli d’Italia che ormai stabilmente avanza rispetto a Forza Italia ancora fermo al 7,1% e con altri voti “rovesciati” sul nuovo partito di Matteo Renzi. Per quanto riguarda invece i tanti altri partiti di centrosinistra-sinistra, da segnalare lo 0,4% di MdP (nonostante il Governo), l’1,6% di Sinistra Italiana e l’1,5% della lista di Calenda e Richetti, Siamo Europei. Chiude la lista di sondaggi i Verdi all’1,4% e +Europa all’1,6%: secondo invece le stime sulle coalizioni in previsione di eventuali elezioni politiche imminenti, l’Area di Governo giallorosso arriva fino al 44,6% mentre il Centrodestra, di poco, resta avanti con il 47,2%. In vista delle Elezioni Regionali in tre Regioni d’Italia il possibile “referendum” sul Governo è presto che pronto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA