Sondaggi sui vaccini anti-Covid/ 10% non vuole vaccinarsi, 52% dice no ad Astrazeneca

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi vaccini anti-Covid, i dati di Demopolis: il 60% non si sente rassicurato sull’avanzamento della campagna vaccinale in Italia

sondaggi vaccini anti-Covid
Vaccino anti-Covid AstraZeneca (LaPresse, 2021)

Prosegue il dibattito sulla campagna vaccinale in Italia e Demopolis ha stilato i sondaggi sui vaccini anti-Covid per Otto e mezzo. Le rilevazioni dell’istituto accendono i riflettori sul giudizio degli italiani sui farmaci contro il virus e non c’è grande fiducia sul piano stilato dal governo: il 60% non si sente rassicurato sull’avanzamento della campagna vaccinale, mentre il 33% sì. Il restante 7% ha preferito non rispondere.

I sondaggi sui vaccini anti-Covid hanno poi messo in risalto che quasi sette italiani su dieci sono pronti a sottoporsi alla somministrazione del farmaco: il 67% infatti dichiara che lo farà non appena sarà il suo turno, oppure si è già vaccinato. Il 23% non lo sa ancora e preferirebbe attendere, mentre il 10% pensa di non vaccinarsi.

SONDAGGI VACCINI ANTI-COVID: 52% DICE NO AD ASTRAZENECA

Continuiamo il nostro viaggio nei sondaggi sui vaccini anti-Covid grazie a Demopolis e accendiamo i riflettori sul farmaco di Astrazeneca, al centro del dibattito nelle ultime settimane: il 48% rimane dell’idea di vaccinarsi con qualunque vaccino oppure si è già vaccinato, mentre il 52% ha modificato il suo orientamento. Entrando nel dettaglio, il 42% adesso preferisce attendere per fare un vaccino differente da Astrazeneca, mentre il 10% già prima pensava di non vaccinarsi. E che cosa potrebbe incentivare gli italiani rispetto alla vaccinazione? Il 52% ha risposto informazioni più chiare sugli esiti delle vaccinazioni, come gli effetti collaterali o l’efficacia dimostrata. Il 38%, invece, vorrebbe scegliere il tipo di vaccino. Il 9% ha risposto “altro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA