Sondrio, elicottero atterra tra tetti: 3 feriti/ Video: attimi di terrore tra turisti

Sondrio, elicottero militare atterra d’emergenza in un’area affollata: la bravura del pilota ha evitato il peggio, il video.

sondrio elicottero
Sondrio, elicottero atterra in area affollata (Teleunica)

Sondrio, elicottero atterra tra i tetti: attimi di grande paura a Santa Caterina Valfurva nel primo pomeriggio di ieri, venerdì 23 agosto 2019. L’episodio è stato registrato attorno alle ore 13,00: un elicottero dell’Esercito stava trasportando un pesante generatore di corrente ma il pilota è stato costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza per motivi ancora da chiarire. E, se non fosse stato per la bravura di quest’ultimo, il bilancio avrebbe potuto essere molto più tragico rispetto ai tre feriti lievi. Secondo una primissima ricostruzione, riportata dai colleghi di Sondrio Today, ad obbligare il pilota alla manovra di emergenza è stato il grosso carico appeso al velivolo – un generatore d’emergenza per la località turistica dell’Alta Valtellina, per eventuali necessità dopo la frana del Ruinon – senza dimenticare le forti raffiche di vento.

SONDRIO, ELICOTTERO ATTERRA TRA TETTI: I VIDEO

Un episodio che ricorda da vicino quanto accaduto recentemente a New York, dove anche in quel caso si sfiorò la strage. Per fortuna, nulla di grave per le persone rimaste ferite a causa della scoperchiatura dei tetti: un anziano di 65 anni, un 18enne ed un bimbo di 10 anni sono stati colpiti da alcune lamiere. Il blocco attraccato al mezzo aereo appariva fortemente instabile e una delle quattro funi avrebbe potuto sfilacciarsi a stretto giro di posta: un rischio che il pilota ha deciso ovviamente di non correre, optando per un atterraggio di emergenza in un prato, situato nei pressi di un parco giochi e del bar “La Fonte”. L’elicotterro ha volato rasente alcune case, scatenando il panico tra i turisti, prima di finire la sua corsa sull’erba. In corso le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente (sfiorato), ma tutto è bene quel che finisce bene…



© RIPRODUZIONE RISERVATA