Sonia Marra “uccisa e tritata”?/ Sorella Anna: “Intercettazioni choc stupiscono”

- Alessandro Nidi

Sonia Marra, la sorella Anna ha parlato delle intercettazioni tra un seminarista e un prete, nelle quali si dice che il corpo della giovane sarebbe stato “tritato” e gettato nella “monnezza”

sonia marra 640x300
Sonia Marra (Storie Italiane, 2022)

Sonia Marra è scomparsa nel 2006 dalla sua casa di Perugia, all’età di 25 anni. La studentessa universitaria, originaria della Puglia, manca all’appello da 15 anni e oggi il caso è stato trattato a “Storie Italiane”, trasmissione di Rai Uno condotta da Eleonora Daniele e andata in onda nella mattinata di martedì 17 maggio 2022. L’avvocato della famiglia di Sonia Marra, Alessandro Vesi, ha asserito: “I familiari non hanno mai smesso di lottare e di chiedere giustizia. La sorella è una guerriera che non ha mai mollato. Dobbiamo fare di tutto e prendere in esame ogni elemento, in quanto è il nostro dovere farlo”.

Proprio Anna, sorella di Sonia Marra, è intervenuta ai microfoni di Edoardo Lucarelli: “Purtroppo non si finisce mai di rimanere interdetti di fronte a ciò che dobbiamo sentire. Certe parole dette da personaggi che predicano il bene stupiscono”. C’è infatti un’intercettazione choc tra un sacerdote e un seminarista, in cui si parla di ciò che potrebbe essere accaduto a Sonia Marra. Ecco un loro estratto: “Sai che hanno fatto? Quella l’hanno tritata, l’hanno buttata, non la ritroveranno mai. L’hanno buttata nella monnezza! Il suo corpo non lo troveranno mai. Lei era incinta, era il tempo che c’era l’altro prete, arrestato per droga. Era tutto un giro di droga, soldi, s*sso”.

SONIA MARRA, LA SORELLA ANNA: “ERA INCINTA? ALLORA COME MAI…”

Nel prosieguo di “Storie Italiane”, la sorella di Sonia Marra ha commentato così l’intercettazione sopra riportata: “Ci sarà stato un chiacchiericcio che avrà portato proprio a dire queste crudeltà. Era incinta? Mi chiedo come mai ci sia stato un ragazzo che ha portato dei test di gravidanza a mia sorella, se lui non era coinvolto”.

La famiglia Marra in questa fase sarà ancora supportata dall’avvocato Alessandro Vesi, ma anche dalla criminologa Roberta Bruzzone che, come riportato da “Il Messaggero”, si è proposta per studiare di nuovo tutte le carte di questo caso irrisolto. Con il suo staff, in particolare la collaboratrice Sara Olivieri sta lavorando sul backup dell’intero materiale di indagine.







© RIPRODUZIONE RISERVATA