Sparatoria a Casal Bruciato: grave 48enne/ Regolamento di conti? Esplosi 12 colpi

- Emanuela Longo

Sparatoria a Casal Bruciato nella serata di ieri: commando scarica almeno 12 colpi contro un 48enne. Regolamento di conti? Indagini in corso

bernalda matera metaponto bimbo di 3 anni trovato morto
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)
Pubblicità

Ancora un drammatico fatto di sangue a Roma, dopo il terribile delitto di Luca Sacchi avvenuto nei giorni scorsi. Sparatoria a Casal Bruciato, nella serata di ieri, domenica 27 ottobre, poco prima delle 22. Un uomo di 48 anni è rimasto ferito ed attualmente si trova ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Sandro Pertini della Capitale. Lo riferisce oggi RomaToday che spiega anche come la vittima sarebbe già nota alle forze dell’ordine, per tale ragione non si esclude che possa essersi trattato di un regolamento di conti. Numerosi i proiettili sparati (almeno 12 bossoli ritrovati), dei quali almeno tre sarebbero andati a segno colpendo il 48enne al torace e ad una gamba. In azione un vero e proprio commando, attualmente ricercato dalle forze dell’ordine che indagano sul nuovo fatto di cronaca nella Capitale. Stando alle prime indiscrezioni, l’agguato sarebbe andato in scena proprio nei momenti in cui la vittima stava per rincasare. Gli spari sarebbero stati esplosi, infatti, proprio davanti all’androne della sua abitazione, ma a vuoto. Quindi si sarebbe svolto un vero e proprio inseguimento nel cortile dell’edificio.

Pubblicità

SPARATORIA A CASAL BRUCIATO: 48ENNE FERITO, È GRAVE

Almeno tre i colpi andati a segno nella sparatoria di ieri sera e che avrebbero raggiunto la palazzina di via Diego Angeli a Casal Bruciato, prima della fuga dei malviventi. Secondo le testimonianze raccolte, il commando in azione sarebbe stato composto da tre o quattro persone che avrebbero agito con l’intento di uccidere il proprio bersaglio. Anche per questo non si esclude che l’arma possa essersi bloccata proprio nei frangenti in cui avrebbe dovuto esplodere il colpo letale. L’allarme è stato lanciato dai familiari del 48enne dopo aver sentito gli spari, allertando subito il 118 che ha prontamente trasportato l’uomo in ospedale in condizioni critiche. “Ho sentito gli spari, le macchine della polizia e due ambulanze si sono precipitate in strada” ha raccontato un testimone. Sul fatto di sangue sono in corso le indagini atte a fare luce sul movente del tentato omicidio ed al momento non si esclude alcuna pista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità