SPY CINA/ Falun gong perseguitati: ecco cosa teme il partito comunista

- Giuseppe Gagliano

Gli aderenti a Falun Gong, una pratica spirituale molto diffusa in Cina, sono perseguitati in modo brutale, uccisi dalla polizia o rinchiusi in carcere

Scuola in Cina
Cina, scuola di disciplina infantile (LaPresse)

Negli ultimi 10 mesi, il Partito comunista cinese (Pcc) ha perseguitato a morte 101 praticanti del Falun Gong, secondo Minghui.org, un sito web con sede negli Stati Uniti che documenta la campagna nazionale.

I casi di morte hanno coinvolto 54 città in 24 province. La maggior parte dei casi erano concentrati nelle province nordorientali di Liaoning, Heilongjiang e Jilin della Cina. Alcuni dei decessi segnalati si sono verificati nelle stazioni di polizia, nei centri di detenzione e nelle prigioni, secondo Minghui. Inoltre, almeno 75 del totale avevano subito torture, lavori forzati e iniezione di droga non identificata prima della loro scomparsa.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una pratica spirituale che presenta tre principi fondamentali di veridicità, compassione e tolleranza, insieme a cinque esercizi ginnici lenti. Dopo che è stato reso pubblico nel 1992, il suo seguito in Cina è salito tra i 70 e i 100 milioni nel 1999. Poi, il regime cinese, ritenendo la popolarità della pratica una minaccia, ha lanciato una campagna di persecuzione a livello nazionale per sradicarla.

Il 22 dicembre 2020, agenti di polizia della città nordoccidentale di Lanzhou, nella provincia del Gansu, hanno distrutto la porta d’ingresso di un appartamento di un praticante del Falun Gong. La polizia ha confiscato proprietà a Ren Canru, una donna anziana e paralizzata, incluso il suo computer e la sua stampante. Hanno anche arrestato l’infermiera che si prende cura di Ren. Sia la salute mentale che fisica di Ren hanno iniziato a deteriorarsi rapidamente dopo il raid, secondo Minghui. La donna anziana è entrata in coma dopo essere caduta il 27 luglio 2021. Una settimana dopo è morta all’età di 85 anni nella terapia intensiva del Lanzhou General Hospital. Il marito e il figlio di Ren, anch’essi seguaci del Falun Gong, sono deceduti rispettivamente 10 e 20 anni prima.

Un altro praticante è morto dopo essere stato detenuto in una prigione femminile per meno di due mesi. Fu Guihua, 55 anni, è morta il 25 luglio, dopo essere stata trasferita all’Ospedale Numero 1 affiliato alla Jilin University. Dopo che le cure di emergenza non sono riuscite a salvarla, la sua famiglia ha chiesto la possibilità di guardarla un’ultima volta. La richiesta non è stata onorata fino a giorni dopo e a condizione che non venissero scattate foto. Molti dei parenti di Fu sono ancora imprigionati per la loro fede.

Un altro praticante è stato arrestato nel villaggio Dongrulai della provincia di Shandong il 18 giugno. Il giorno dopo, i funzionari hanno informato la famiglia di Sun Pijin che era morto in custodia, secondo Minghui. Funzionari dell’ufficio locale 610, un ramo del governo incaricato della soppressione religiosa, hanno detto alla famiglia di Sun che era saltato da un tetto. Tuttavia, alla famiglia non è stato inizialmente permesso di vedere il corpo di Sun.

Funzionari e polizia in seguito hanno minacciato la famiglia di contattare altri praticanti del Falun Gong, intentare cause legali o condividere le notizie con altri. Una settimana dopo, il 26 giugno, le autorità hanno costretto la famiglia a cremare il corpo e chiudere il caso.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI



© RIPRODUZIONE RISERVATA