SPY CINA/ Pechino e la micidiale “arma magica” che ruba tecnologie all’Occidente

- Giuseppe Gagliano

L’economia della Cina beneficia da decenni di uno spionaggio economico incentrato sull’acquisizione di tecnologia occidentale e know-how economico globale

Cybersecurity e cyberdifesa
(Web, 2021)

La strategia economica a lungo termine della Cina comunista mira a sostituire l’ordine post-Seconda guerra mondiale dominato dagli Stati Uniti, stabilito dalle Nazioni Unite e dal quadro monetario internazionale di Bretton Woods, con un “sistema capitalista autoritario” controllato da Pechino.

La strategia prevede di penetrare, cooptare e sfruttare le istituzioni internazionali al fine di ottenere l’accesso a risorse, investimenti diretti esteri, tecnologia avanzata e metodi occidentali, in modo che l’industria cinese possa superare tutta la concorrenza straniera nella corsa alle tecnologie di prossima generazione e alle capacità produttive, in breve, per raggiungere il dominio economico mondiale nel lungo periodo.

Per attuare questa strategia, il Partito comunista cinese (Pcc) ha dedicato enormi risorse, tra cui manodopera e denaro, alla conduzione dello spionaggio economico, che comporta il furto di segreti commerciali, informazioni proprietarie e/o proprietà intellettuale al fine di avvantaggiare le società nazionali a svantaggio dei concorrenti stranieri. Per la Cina, questo significava sostituire gli investimenti scientifici e tecnologici “rinviati” a causa della liquidazione di molti scienziati, ingegneri e innovatori durante il devastante decennio della Grande Rivoluzione culturale proletaria di Mao Zedong (1966-1976), dato che le capacità dell’industria e della tecnica cinese erano molto indietro rispetto all’Occidente prima della sua fine.

Gli obiettivi strategici cinesi di modernizzare le forze armate, di costruire un modello economico guidato dalla tecnologia e ottenere una capacità completa per dominare la geopolitica in tutto il mondo dipendono fortemente dalle estese attività di spionaggio economico in corso.
Operatori, spie e analisti all’interno e/o controllati dal Ministero per la Sicurezza dello Stato (Mss) e tutti gli elementi di servizio dell’Esercito popolare di liberazione (Pla) sono dedicati alle attività di raccolta di informazioni 24 ore su 24. L’Mss risponde sia al Consiglio di Stato cinese, la principale autorità amministrativa del regime cinese, sia al Comitato permanente del Politburo del Pcc nella conduzione di operazioni di raccolta di informazioni in tutto il mondo. Le direzioni dell’intelligence del Pla riferiscono alla Commissione militare centrale (Cmc) della Cina nella conduzione di Humint, raccolta di informazioni tecniche e operazioni informatiche.

Secondo il miliardario cinese Guo Wengui, ci sono oltre 25.000 ufficiali dell’intelligence cinese e oltre 15.000 americani reclutati che operano per conto della Cina solo negli Stati Uniti.

Lo spionaggio informatico è una missione importante per ottenere segreti economici. Secondo un rapporto della US-China Economic and Security Review Commission, “le cyberintrusioni consentono alle imprese cinesi, in alcuni casi agendo sotto la direzione del Pcc o con l’assistenza del governo, di accedere alle informazioni sulle operazioni proprietarie delle imprese statunitensi e alle informazioni sul finanziamento dei progetti, oltre a rubare Ip e tecnologia”. L’Mss sfrutta/costringe uomini d’affari e scienziati cinesi a rubare e segnalare segreti acquisiti nei loro rapporti di business con gli stranieri. Dal 2015, gli sforzi di raccolta non tradizionali sono stati sempre più controllati dall’United Front Work Department (UFWD), che riferisce all’Mss per il coordinamento della raccolta di intelligence. Mao ha etichettato il “fronte unito” come una delle “tre armi magiche” nell’arsenale del Pcc. La sua missione interna originale era quella di penetrare e controllare i gruppi sociali e gli individui per “persuaderli” a sostenere il Pcc e i suoi obiettivi.

La nuova missione estera, aggiuntiva, prevede la cooptazione delle élite, la gestione delle informazioni, la persuasione e l’accesso a informazioni strategiche come mezzo per facilitare lo spionaggio. L’UFWD utilizza la versione comunista cinese (ChiCom) del classico libro di Dale Carnegie “Come conquistare amici e influenzare le persone”, tra cui corruzione, concussione, spionaggio e coercizione. L’UFWD fornisce copertura agli agenti dell’intelligence (spie) che operano sotto il Ministero della Sicurezza dello Stato. AI tentacoli dell’UFWD si aggiungono gli Istituti Confucio, il programma Mille Talenti, i servizi di informazione cinesi, gli uffici per gli affari cinesi all’estero e l’amministrazione del cyberspazio cinese. Tutte queste sono operazioni strettamente controllate, volte a influenzare l’opinione pubblica straniera e conquistare amici per le politiche del Pcc.

Le leggi e le normative cinesi spesso facilitano il furto di tecnologia come prezzo per le operazioni di società straniere in Cina. Il Pcc ha anche cercato di ottenere il controllo del processo di certificazione degli standard internazionali sostituendo l’Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) con “China Standards 2035”. Nel controllare gli standard e la tecnologia, ciò renderebbe molto più facile per il regime cinese l’accesso alla tecnologia sviluppata all’estero. Compagnie di facciata vengono costituite in paesi stranieri per offuscare il coinvolgimento diretto del regime cinese nell’ottenere tecnologie controllate dall’esportazione. Tuttavia è necessario precisare che “compagnie di facciata” potrebbe essere un termine fuorviante, poiché praticamente tutte le società di proprietà cinese hanno l’obbligo di condurre spionaggio economico per conto di Pechino.

Proprio per questo il Pcc ha sviluppato e implementato una strategia tesa a massimizzare i collegamenti tra il settore militare e civile per costruire la forza economica e militare della Cina. Le joint venture vengono utilizzate per invogliare le società straniere ad operare in Cina. Parte degli accordi di joint venture prevedono il trasferimento di tecnologia ai partner cinesi. In sostanza, le normative sulle joint venture cinesi richiedono in definitiva ai partner stranieri di firmare essenzialmente la loro proprietà intellettuale e tecnologia per accedere al mercato cinese.

La collaborazione con scienziati stranieri su progetti di ricerca fornisce l’accesso diretto a tecnologie avanzate. Un buon esempio è stata l’istituzione da parte della Cina dell’Alleanza di Internet industriale per “iniziative di produzione collaborativa e Internet”, che si concentra sull’utilizzo e l’integrazione di tecnologie nazionali e soprattutto straniere al fine di “accelerare lo sviluppo di Internet industriale”.

Le collaborazioni accademiche sono incoraggiate per ottenere l’accesso alle tecnologie straniere. Un aspetto chiave è la promozione di scambi internazionali di professori e studenti, intrecciati con il programma Mille Talenti, che mira ad attrarre scienziati, ingegneri e istruttori stranieri per lo sfruttamento da parte del Ministero dell’Istruzione e del Ministero della Sicurezza dello Stato a fini di spionaggio.

Il regime cinese investe nello sviluppo S&T all’estero come meccanismo per colmare buchi tecnologici nei settori tecnici cinesi. Gli obiettivi S&T includono quanto segue: tecnologia dell’informazione, sicurezza informatica, tecniche di produzione avanzate, tecnologie di difesa di ogni tipo e tecnologie energetiche.

Il regime cinese utilizza finanziamenti per investimenti diretti esteri per investire e acquisire società occidentali allo scopo di acquisire tecnologie all’avanguardia e proprietà intellettuale. I ChiCom hanno effettuato acquisizioni strategiche in importanti società estere per acquisire quote di mercato e accedere a tecnologie chiave, nonché per influenzare la cultura.

A scienziati e ingegneri stranieri vengono offerte borse di studio di ricerca e periodi sabbatici retribuiti per ottenere il loro capitale intellettuale e le loro innovazioni tecnologiche. L’obiettivo di ChiCom è reclutare esperti e imprenditori cinesi e stranieri all’estero in settori economici chiave per insegnare e lavorare in Cina.

Insomma, il Pcc ha uno spionaggio economica solido, ben coordinato e continuo. che prende di mira la proprietà intellettuale, le tecnologie e le industrie sviluppate negli Stati Uniti. Questa campagna è un elemento importante della continua ricerca di Pechino del dominio economico mondiale ed è il motore chiave che alimenta la continua crescita dell’economia cinese, spesso a scapito della concorrenza straniera.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA