Stanotte al museo egizio, Rai 1/ Alberto Angela tra sfingi e faraoni (Replica)

- Anna Montesano

Stanotte al Museo Egizio, un viaggio con Alberto Angela e ospiti alle scoperte di questa civiltà in onda in replica oggi 13 maggio su Rai 1

Alberto Angela
Alberto Angela (© Barbara Ledda, 2018)

Questa sera, 13 maggio 2020, torna in replica su Rai 1 l’appuntamento con Alberto Angela con l’episodio Stanotte al Museo Egizio di Torino. Lo show andrà in onda in prima serata dalle 21.25 e racconterà quello che è il più importante museo a tema fuori dall’Egitto. Alberto Angela ci porterà tra statue di sfingi e faraoni, per passare poi a tombe e un tempio nubiano. Il divulgatore sarà affiancato in questa nuova avventura da Christian Greco e un gruppo di ricercatori impegnati di notte in un laboratorio. Stanotte al Museo Egizio è una ghiotta occasione per ammirare le meraviglie di una civiltà antica che ha segnato profondamente la storia. Sulla strada di questo nuovo racconto troveremo: parrucche, le vesti pieghettate, i sandali infradito, il trucco per il viso e per gli occhi, e in particolare gioielli e amuleti. Tra le mummie ci sono anche storie particolari tra cui quelle di tre sorelle di cui si conoscono anche i nomi.

Alberto Angela a Torino tra tombe egizie e storia antica

Alberto Angela, in questo nuovo viaggio nell’arte, è affiancato da ospiti importanti. Tra questi ricordiamo: Giovanni Soldini che parlerà delle imbarcazioni degli Egizi; il matematico Piergiorgio Odifreddi che racconterà la nascita della matematica e della geometria. Ci sarà anche la costumista premio Oscar Gabriella Pescucci che narrerà le particolarità degli abiti dell’epoca. Eva Cantarella parlerà invece di amore e sesso nell’antico Egitto mentre il maestro Riccardo Muti di come questa cultura abbia influenzato Giuseppe Verdi. Le note dell’Aida saranno eseguite nelle sale del museo da un quintetto di cinque giovani musicisti. Sarà anche l’occasione per riascoltare il compianto Umberto Veronesi che ci racconterà come gli Egizi tentavano di conservare la vita dopo la morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA