COLLETTA ALIMENTARE/ Tra le scatole di pelati la speranza che desideriamo ogni giorno

- La Redazione

Lo spettacolo della Carità messo in scena da migliaia di volontari Sabato durante la giornata nazionale della Colletta Alimentare è stato l’esempio di un popolo in azione. ROBERTO CENA, presidente del Banco Alimentare del Piemonte racconta la sua esperienza

Colletta20alimentare202007_R375

Per un giorno vorrei che si parlasse del meraviglioso popolo piemontese. Ieri, in occasione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare circa 700.000 piemontesi hanno donato ben 840.000 kg di cibo a favore dei più poveri e sfortunati dei nostri concittadini, per un valore superiore ai 2,5 milioni di euro.

In tempo di crisi profonda e reale per tanti. Un gesto clamoroso di generosità e solidarietà. Ho visto di persona noti berlusconiani sfegatati, rifondaroli convinti, musulmani, persone ricche e note, gente comune, alti e piccoli, giovani e vecchi, simpatici e scorbutici fare la spesa per i poveri aiutati dal Banco Alimentare. Un gesto semplice quanto efficace è stato capace di una straordinaria unificazione popolare. Che spettacolo!

Per un giorno eravamo tutti uguali e insieme, nel compiere questa azione. Ieri sera, nel nostro magazzino di Moncalieri, c’erano un centinaio di giovani ad aiutarci a scaricare tutto quanto si era raccolto. Anche lì, giovani di tutti i credo e passioni che, oltre ad aver lavorato come matti, hanno investito quel luogo e i nostri volontari stremati, di una freschezza e bellezza che solo la gioventù sa esprimere: chi faceva a gara nello scaricare camion facendo la catena e con tifo da stadio, chi canticchiava, chi faceva scherzi a ripetizione, chi si apriva a nuove amicizie e incontrava i nostri volontari abituali. Altro che crack o crick da black block! Ho percepito chiaramente in tutta la giornata che ciò che ci accumuna davvero è la “speranza”: in qualcosa di migliore, che non abbiamo o non abbiamo ancora, ma che, incessantemente, desideriamo.

Un’inclinazione profonda al bene che c’è dentro ciascuno di noi, a cui bisogna solo dare occasione di tirarla fuori. Penso davvero che gli uomini siano migliori di quanto appaia. Ma è così difficile vivere così come abbiamo visto ieri? Sì, è molto difficile. E’ difficile non far prevalere il nostro sentimento del momento, la nostra istintività o pregiudizio, o la nostra prepotenza e presunzione. Ma per un giorno, ieri, per molti è stato possibile vivere meglio e con più gusto attraverso quel semplice ma sentito gesto di condivisione che è stata la Colletta. Allora vien da chiedersi: in cosa riponiamo la nostra speranza per un futuro migliore? Nella finanza fine a se stessa che premia la speculazione e distrugge le vite senza pietà?, nel Grande Fratello o illusioni simili? Nella prepotenza con cui magari da imprenditori cerchiamo di far fuori un concorrente? Nello Stato, conferendogli responsabilità che sono solo nostre? O in quello che abbiamo visto ieri e in tante esperienze simili? O nel guardare a un concorrente come ad un collega con cui magari aiutarsi a superare questo momento? O ai giovani educandoli a preservare la loro bellezza e genuinità e a spendere le loro vite per qualcosa che valga davvero la pena? O a essere dei protagonisti nella vita sociale per un bene comune? Ma, almeno per un giorno, abbiamo visto che è possibile!. Non resta che continuare a cercare una speranza, lasciandoci educare da gesti come quello vissuto ieri. A nome dei poveri che verranno aiutati dal Banco Alimentare e dei nostri volontari, esprimo il grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato e a tutti coloro che hanno generosamente donato.

 

(Roberto Cena, presidente Associazione Banco Alimentare del Piemonte Onlus)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori