Studente colpito da tubercolosi a Treviso/ L’esame orale della maturità in ospedale

Uno studente è stato colpito da tubercolosi in quel di Treviso: l’esame orale della maturità dovrà svolgerlo in ospedale

ospedale 2019 pixabay
Salva la figlia da un tumore al cervello

Uno studente della provincia di Treviso è stato colpito da tubercolosi. Si tratta di un ragazzo ventenne, che come riferisce il sito online oggitreviso.it, è eisultato appunto affetto dalla rara malattia, e si trova attualmente ricoverato presso l’Unità Operativa di Malattie Infettive dell’ospedale Ca’ Foncello, diretta dal dottor Pier Giorgio Scotton. La diagnosi è giunta definitivamente nella serata di ieri, dopo una serie di accertamenti condotti dall’UOC di Microbiologia diretta dal dottor Roberto Rigoli, che hanno appunto “sentenziato” la tubercolosi. Subito è scattata la cura per il ragazzo, che frequenta l’ultimo anno della scuola superiore di Motta di Livenza, e che deve ancora affrontare l’orale di maturità. L’ospedale ha istintivamente pensato ad un fatto di tubercolosi avvenuto poco tempo fa presso la Primaria “G. Aleandro”, sempre a Treviso, ma ogni possibile correlazione fra i due casi è stata esclusa.

STUDENTE COLPITO DA TUBERCOLOSI A TREVISO

Come scrive oggitreviso “il caso è riferibile ad un cluster familiare, di complessivi tre casi”. I recenti e stretti contatti del giovane paziente, come da protocollo, verranno sottoposti a test Mantoux e ad ulteriori approfondimenti, ed in particolare con focus sui compagni di classe e i suoi docenti, frequentati proprio in questo periodo per via dell’esame di maturità. I test verranno effettuati nella giornata di martedì, e i risultati dovrebbero arrivare venerdì. La notizia della tubercolosi è stata riferita alle autorità civili nonché a quelle scolastiche, e visto lo stato di malattia del giovane paziente si è pensato di far svolgere la prova orale dell’esame finale nel reparto dove lo stesso ragazzo si trova al momento ricoverato, e dove si recherà l’intera commissione d’esame. Un fatto non inusuale quello di svolgere gli esami orali di quinta in ospedale, soprattutto per casi particolari come appunto quello che vi abbiamo appena descritto. La speranza è che ovviamente il ragazzo possa riprendersi il prima possibile, e che la sua vita tornare brevemente alla normalità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA