MONDIALI 2010 PARTITE IN TV/ Oggi 17 giugno Francia Messico e Argentina Corea del Sud gironi A e B Mondiali 2010. Programmi tv

- La Redazione

Oggi protagonista negli stadi del Sudafrica anche la Grecia che sfida la Nigeria

programmi-tv_mondiali2010R375

Sudafrica Mondiali 2010 – Le partite di oggi, giovedì 17 giugno 2010 – Francia Messico – Argentina Corea del Sud – Grecia Nigeria – In Sudafrica continuano le partite in tv dei Mondiali 2010 e si ricomincia con nuovi scontri tra le nazioni dei gironi A e B. Le partite di oggi dei Mondiali 2010 vedono in primo piano lo scontro tra la Francia e il Messico, ma non è da trascurare la partita tra l’Argentina e l’imprevedibile Corea del Sud. Tra le partite di oggi dei Mondiali 2010 anche la sfida tra la Grecia e la Nigeria. Le partite dei Mondiali 2010 di questo secondo turno della fase eliminatoria dei Mondiali 2010 in Sudafrica dovrebbero cominciare a determinare quali squadre potrebbero affacciarsi ai quarti di finale.

Ma vediamo del dettaglio orari e canali tv (in chiaro e satellitari) in cui saranno trasmesse le partite di oggi tra i programmi tv.

Sudafrica Mondiali 2010, le partite di ieri, mercoledì 16 giugno – Sorpresa della Spagna, campione d’Europa, che cede il passo alla Svizzera, vincente per 1 rete a 0. prova convincente del Cile, che lascia a secco l’Honduras, vincendo per 1 reti a 0 dopo aver dominato per tutta la partita. Terzo scontro dei Mondiali 2010, in serata, tra il Sudafrica e l’Uruguay. Risultato che potrebbe escludere i padroni di casa dai Mondiali, visto che i sudamericani si sono imposti per 3 reti a 0.

Sudafrica Mondiali 2010 – Le partite di oggi, giovedì 17 giugno 2010. In campo le squadre dei gironi A e B

 

Ore 13.30 Argentina Corea del Sud (girone B) Johannesburg stadio Soccer city

Sky Canale 205 SKY Mondiale 1

Highlights

 

ore 16.00 Grecia Nigeria (girone B) Bloemfontein stadio Free state

Sky Canale 251 SKY Mondiale

Highlights

 

ore 20.30 Francia Messico (girone A) Polokwane stadio Peter Mokaba

Sky Canale 251 SKY Mondiale

Rai Uno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori