MONDIALI SUDAFRICA/ Gruppo D, Ghana – Australia: probabili formazioni e presentazione

- La Redazione

Una vittoria dei ghanesi vorrebbe dire qualificazione

Asamoah_R375_28apr09
Asamoah, centrocampista Udinese (Foto Ansa)

Ghana – Australia si gioca oggi a Rustenburg alle 16,00. Per il Ghana un’occasione d’oro per garantirsi la qualificazione. E poi de dovesse vincere chissà si potrebbe pensare anche a una leadership nel girone D da verificare nell’ultimo incontro con la Germania. L’Australia è invece chiamata a un’importante prova di riscatto dopo la prestazione molto deludente contro la stessa Germania. C’è da dire poi che che la Nazionale allenata da Milovan Rajevac è l’unica squadra africana che è riuscita a vincere nella prima giornata del Mondiale. Il Camerun ha perso, così come la Nigeria e l’Algeria. Sudafrica e Costa d’Avorio hanno pareggiato. Al Ghana quindi il compito molto delicato di tenere in alto l’onore del Continente nero.

Il sogno di proseguire il cammino di Sudafrica 2010 fino ad arrivare a lottare per i primi quattro posti non è ancora una chimera quindi. Resta da decifrare questa partita. Dove il Ghana molto probabilmente cercherà di attaccare con maggiore intensità, anche per una buona condizione fisica mostrata nella partita contro la Serbia. L’Australia non sembra avere grande caratura tecnica, ma comunque sul piano agonistico potrebbe mettere in difficoltà gli africani. Per un match che comunque potrebbe essere meno scontato del previsto.

 

(Franco Vittadini)

 

 

GHANA (4-4-2): Kingson, Pantsil, John Mensah, Vorsah, Sarpei, Annan, Muntari, D. Ayew, K. Boateng, Gyan, Tagoe.

 

A disp: Agyei, Ahorlu, Inkoom, I. Ayew, Jonatan Mensah, Appiah, Asamoah, Abeyie, Adiyiah, Amoah, D. Boateng,  Addy. All.: Rajevac.

 

AUSTRALIA (4-5-1): Schwarzer, Neill, Moore, Chipperfield, Wilkshire, Bresciano, Culina, Grella, Emerton, Kewell, Kennedy.

 

A disp: Federici, Carnay, Milligan, Beauchamp, Holman, Valeri, Jedinak, Garcia, Vidosic, Rukavytsya, Galekovic All.: Verbeek.

 

Arbitro: Rosetti (Italia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori