Suo cane morde donna, arrestato: tenta suicidio/ Asti, pregiudicato giù da cornicione

- Emanuela Longo

Il cane di un pregiudicato aggredisce una donna: scoppia la lite. Lui viene arrestato e tenta il suicidio lanciandosi dal cornicione. E’ accaduto ad Asti

pitbull 2018 pixabay
Suo cane morde donna, arrestato (Pixabay)

Disavventura per una donna di Asti, che ieri è stata morsa da un cane mentre passeggiava in pieno centro, durante la Notte Bianca. L’animale, un pitbull, appartiene a Guido Iaquinta, un uomo pregiudicato di 37 anni. Secondo quanto ricostruito dal quotidiano Repubblica.it, senza dei motivi apparenti, il cane avrebbe azzannato la malcapitata in corso Alfieri, ferendola. Medicata al pronto soccorso, fortunatamente la vittima non ha riportato lesioni profonde. In seguito però all’aggressione da parte dell’animale nei confronti della donna, sarebbe scaturita una violenta lite che ha coinvolto anche il proprietario, tale da richiedere un intervento delle forze dell’ordine per sedare la discussione. Dopo aver apostrofato la vittima con insulti razzisti, il pregiudicato si sarebbe scagliato anche contro i carabinieri. A quel punto è scattato l’arresto per resistenza al pubblico ufficiale, poi trasformatosi in domiciliari. A quel punto però Iaquinta ha tentato il suicidio, rendendo il lavoro degli inquirenti ancora più complesso.

SUO CANE MORDE DONNA, ARRESTATO: PREGIUDICATO TENTA SUICIDIO

Il pm di turno aveva appena disposto gli arresti domiciliari a carico dell’uomo, pregiudicato, dopo che il suo cane aveva azzannato una donna, fortunatamente senza gravi conseguenze. Poco dopo però, Guido Iaquinta ha minacciato il suicidio ed ha tentato di buttarsi dal cornicione dello stabile di corso Alfieri in cui abita. Ad intervenire sul posto, oltre ai militari dell’Arma anche i vigili del fuoco, la polizia ed il 118. I soccorritori hanno tentato di instaurare una lunga trattativa ma dopo alcune ore si è lanciato nel vuoto giù da un cornicione. A salvarlo, fortunatamente, i materassi che nel frattempo i vigili del fuoco avevano sistemato in strada, temendo il gesto drammatico del pregiudicato. Dopo il volo, l’uomo non si è fatto nulla ma è stato comunque portato in ospedale in codice giallo per tutti gli accertamenti del caso. Già domani sarà processato con rito direttissimo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA