Suzuki lascia la MotoGp a fine 2022/ 2 fattori alla base della decisione

- Josephine Carinci

Clamorosa decisione nella MotoGP: la Suzuki ha scelto di lasciare il Motomondiale alla fine del 2022. Due fattori alla base della decisione

Joan Mir Suzuki curva MotoGp lapresse 2021 640x300
Streaming Motogp Foto LaPresse)

Decisione clamorosa in MotoGP. La Suzuki lascerà il motomondiale alla fine della stagione 2022. Si tratta di una clamorosa notizia emersa alla fine dei test programmati. L’indiscrezione ha colto di sorpresa tutti, anche gli addetti ai lavori come i piloti Mir e Rins e il capo del team Livio Suppo. Proprio quest’ultimo non ha risposta alle domande che gli sono arrivate: “No comment. Spero possiate capire la mia situazione. Buona serata”.

A dare per primo la notizia del ritiro della Suzuki dalla MotoGP è stato il sito Motosport.com. La conferma è poi arrivata da diversi membri della squadra, sotto shock dopo la notizia. Nella giornata di domani verrà diramato il comunicato ufficiale nel quale verrà annunciata la decisione di dire addio alla MotoGP. Sono due le motivazioni alla base della decisione, che ha il Covid e la guerra in Ucraina tra le motivazioni.

Suzuki lascia la MotoGP: non è la prima volta

A dare per primo la notizia è stato il sito motosport.com, ma la conferma è arrivata subito dopo anche da diversi membri della squadra. La decisione ha stupito l’ambiente, piloti e team compreso. Solo due anni fa la casa giapponese aveva vinto il titolo che mancava ormai da 20 anni. A vincere la MotoGP con la Suzuki era stato Mir, che solo qualche tempo fa ha firmato un contratto di 5 anni con la casa.

Non è la prima volta che la casa giapponese lascia il motomondiale. La Suzuki infatti aveva già lasciato il Mondiale per la prima volta nel 2012. Tre anni dopo la casa era rientrata nella MotoGP. Nel 2015, infatti, la casa giapponese era tornata in gioco con la coppia spagnola composta da Maverick Vinales e Aleix Espargaró.







© RIPRODUZIONE RISERVATA