Tami Oldham Ashcraft e Richard Sharp, storia vera Resta con me/ L’uragano Raymond…

- Stella Dibenedetto

Tami Oldham Ashcraft e Richard Sharp, storia vera del film “Resta con me”: sorpresi dall’uragano Raymond nel 1983, vissero un incubo che…

resta con me storia vera min 640x300
Il film Resta con me - Screenshot da video

Resta con me è il film che propone Raidue nella prima serata di oggi, mercoledì 4 novembre. La pellicola diretta dal regista Baltasar Kormákur, racconta la vera storia dei velisti Tami Oldham Ashcraft e Richard Sharp, interpretati da Shailene Woodley e Sam Claflin. Tami e Richard vissero una bellissima storia d’amore che li portò a condividere insieme un’avventura straordinaria che, nel 1983, si concluse in tragedia. Spiriti liberi, innamorati del mare, dopo un amore travolgente, Richard e Tami decisero di tuffarsi in quella che sembrava un’avventura straordinaria e che, invece, si trasformò in un vero incubo. Dopo essersi incontrati e innamorati, Richard e Tami decisero di vivere insieme un’avventura sul mare. Salpati da Tahiti, i due dovevano riportare un veliero a San Diego. Una traversata che si rivelerà fatale per l’uragano Raymond che li sorprese nel bel mezzo dell’oceano.

Tami Oldham Ashcraft e Richard Sharp: la storia vera Resta con me

Avevano solo 34 e 23 anni Richard Sharp e Tami Oldham Ashcraft quando decisero di alimentare la passione per il mare partendo a a bordo di un veliero da Tahiti per arrivare a San Diego. Tutto ero perfetto fino a quando le onde altissime, scatenate dall’uragano Raymond, non li sorprese. Tami, su ordine di Richard, riuscì a rifugiarsi sotto coperta mentre Richard fu travolto dalle onde. Rimasta sola, Tami cercò di farsi forza e di sopravvivere con quello che aveva, senza lasciarsi travolgere dalla disperazione. Non avendo acqua cercava di non piangere per non disidratarsi e, come si legge su Elle, a darle forza su soprattutto una voce che Tami ha raccontato di aver sentito tre volte in quegli attimi drammatici. “Pensavo continuamente a Richard, alla nostra vita insieme, alla mia famiglia”, ha poi spiegato Tami che ha deciso di raccontare la storia nel libro Red Sky is Mourning, pubblicato nel 2002.



© RIPRODUZIONE RISERVATA