Targa Ciampi, nome sbagliato “Azelio”/ Comune Roma: “scheggiata“ ma era gaffe scritta

- Niccolò Magnani

L’incredibile gaffe del Comune di Roma sulla targa per Ciampi sul Lungotevere: “Azelio” scritto senza “G”, Campidoglio si giustifica “era scheggiata”. Poi emerge la verità

Cerimonia Ciampi
Cerimonia Lungotevere per Ciampi: Amato, Mattarella e Casellati davanti alla targa con il nome sbagliato (LaPresse, 2021)

Alla vigilia della Festa della Repubblica, un’incredibile gaffe coinvolge il Comune di Roma durante la cerimonia su un tratto del Lungotevere dedicato da oggi alla memoria dell’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Ala presenza del Presidente Mattarella, della Presidente del Senato Casellati e delle altre principali cariche dello Stato, la targa posizionata viene coperta da un drappo giallo-rosso con il cerimoniale del Campidoglio che spiega ai presenti «la targa risulta scheggiata».

Ecco, niente di tutto questo è vero come testimoniano poi le immagini di lì a qualche minuto: è il nome di Ciampi che viene scritto sbagliato in quanto si legge sulla targa “Carlo Azelio Ciampi”, senza la “G” mancante sul secondo nome. Sul travertino al Lungotevere l’errore del Campidoglio diviene in pochissimi istanti virale con la cerimonia interrotta senza scoprire la targa in attesa che venisse sostituita e con l’incredibile gaffe scoperta ormai da tutti.

LE POLEMICHE SUL CAMPIDOGLIO E LA REPLICA DELLA SINDACA

«Inaugurazione della piazza intitolata al Presidente emerito Ciampi. Presenti i Presidenti di Repubblica, Senato e Camera, ospiti della Sindaca Raggi. Non si scopre la targa perché sarebbe “scheggiata”. Bugia, in realtà è stato scritto male il nome di Ciampi. Anche basta», scrive il candidato rivale alle Elezioni Comunali romane Carlo Calenda. Ancora più duro il giornalista Rai Giancarlo Loquenzi che su Twitter si indigna «Roma scomoda i vertici del paese ma li rispedisce a casa perché manca una “g”. Una storia che dice tutto di questa città, con una sola lettera… Errore nella targa per Ciampi, rinviata cerimonia con le massime cariche». Per il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, la gaffe fatta dal Comune oggi è stata pessima: «ennesima figuraccia dell’amministrazione Raggi alla presenza di Mattarella. Si sono vergognati di scoprire la targa dedicata al Presidente Ciampi avendo sbagliato a scrivere il nome: c’è scritto AZELIO. Questa è la Roma dei grillini. Vergogna assoluta». In risposta alle tante polemiche sollevate sul Campidoglio, la sindaca Virginia Raggi annuncia in una nota «Sono stata avvisata questa mattina, ho dato subito l’ordine di procedere ad una nuova targa che infatti già adesso è collocata al suo posto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA