TEATRO/ Scandurra e Polliotto: “Con il Covid calo ingressi e presenze del 70%”

- La Redazione

Il giornalista radiotelevisivo e il legale d’impresa esperto in tematiche consumeristiche autori di uno studio congiunto su uno dei comparti più colpiti dalla pandemia

SCANDURRA PATRIZIA POLLIOTTO NUOVA 640x300
Il giornalista Maurizio Scandurra con l’Avvocato Patrizia Polliotto

Il Covid-19 è costato, tra il 2020 e il primo semestre del 2021, un crollo a picco della spesa pro capite per spettacoli cinematografici e teatrali, e relativo indotto, superiore al 70% rispetto al 2019”.

Lo rendono noto il giornalista e critico musicale Maurizio Scandurra, esperto dei fenomeni del cambiamento in atto nella cosiddetta ‘event industry’, e l’Avvocato Patrizia Polliotto, Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, autori di uno studio congiunto sulla crisi di cinema e teatri in ormai un biennio di emergenza sanitaria.

La pandemia ha prodotto un abbattimento globale dei volumi del settore intrattenimento pari a circa 13 miliardi, di cui quasi 5 costituiscono il colossale ammanco patito solo da cinema e teatri: e tutto a dispetto di una crescita della spesa per musical, teatri e mostre che dal 2017 al 2019 aveva fatto registrare un significativo balzo in avanti con la progressiva moltiplicazione dell’offerta. Cresce, di contro, la fruizione di cultura tramite forme digitali alternative a quelle tradizionali, con un poderoso effetto-cesoia su tutto l’indotto che completa la filiera della produzione spettacoli dal vivo, falcidiata come mai prima d’ora dal Dopoguerra a oggi”, approfondiscono dialogando a due voci con Ilsussidiario.net.

Il teatro ha perso circa il 70% degli ingressi rispetto al 2019, subendo al contempo una drastica riduzione della spesa al botteghino che si attesta attorno al 79%, con una ricaduta negativa su hotellerie, ristorazione, viaggi e piccolo commercio, ovvero le voci aggiuntive di costo che completano l’investimento di chi trascorre una serata in platea o compie uno spostamento per assistere a uno spettacolo in compagnia. La breve ‘riapertura’ tra giugno e ottobre del 2020 si è rivelata una goccia nel mare, stanti limitazioni dovute ad accessi contingentati, spazi ridotti, prescrizioni stringenti e paura diffusa del contagio a fare da deterrente”, riflette il giornalista Maurizio Scandurra, opinionista in radio e in tv a ‘Canale Italia’, ‘Radio Radio’ e ‘La Zanzara’ su Radio 24.

“Urge una complessa e analitica visione prospettica d’insieme – prosegue l’Avvocato – tesa a garantire lavoro, occupazione e futuro a quel 30% di maestranze e tecnici a rischio di cessazione di attività per il prolungarsi dell’emergenza. Sono per lo più partite Iva individuali e PMI che operano anche nei backstage e faticano a tenere il passo anche con i costanti e costosi aggiornamenti tecnologici di settore che il mercato di riferimento richiede per continuare a essere competitivi”, fa notare Patrizia Polliotto, Presidente dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, che annovera incarichi al vertice in realtà prestigiose e di primo piano tra cui ‘Gruppo San Donato’, ‘Reply’, ‘Juventus’, ‘Compagnia di San Paolo’, ‘NB Aurora’ e molte altre.

Ma, a farne le spese, “E’ anche tutto il corollario di piccole e medie imprese – chiosano Scandurra e Polliotto – che vanno dai service audio-luci alle sartorie teatrali, per le quali è sempre più difficile sostenere la spesa corrente per assenza prolungata di cash flow, incluso l’aumento dei costi di approvvigionamento dovuti ai prezzi da record dei polimeri delle materie plastiche e all’impennata dei costi del tessile, entrambi mai così alti prima del Covid”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA