TENTA SELFIE ESTREMO SU STATUA EQUESTRE A TORINO/ Cade 23enne: è grave

- Dario D'Angelo

Un ragazzo americano di 23 anni è salito sulla statua equestre di piazza Bodoni a Torino: è caduto battendo la testa, le sue condizioni sono gravi.

pavia
Immagine di repertorio (Pixabay)

L’ossessione per il selfie estremo colpisce ancora: un ragazzo di 23 anni montato sulla statua equestre di piazza Bodoni a Torino insieme agli amici è caduto e si trova adesso ricoverato in gravi condizioni al Cto. Lo riporta “Il Corriere della Sera”, sottolineando come la prognosi del ragazzo, un turista americano che ha riportato un trauma cranico, sia riservata. Secondo quanto ricostruito dagli stessi amici del giovane statunitense, la comitiva la notte scorsa era uscita per trascorrere una serata di svago come tante, una birra in un locale e poi una passeggiata. Quando il gruppo è arrivato nella piazza dove si trova il Conservatorio, nel cuore del centro storico di Torino, quella che a prima vista sembrava essere una goliardata innocua, ovvero scattare un selfie sulla statua equestre, rischia ora di trasformarsi in una tragedia.

TENTA SELFIE ESTREMO SU STATUA EQUESTRE A TORINO

Quando il ragazzo americano di 23 anni è montato insieme agli amici sulla statua equestre di piazza Bodoni a Torino, qualcosa è andato storto. Il giovane è caduto sbattendo la testa e si è si procurato un trauma cranico. Non è chiaro quale sia stata la dinamica dell’incidente, né se il giovane sia precipitato a causa di una fatalità o se invece abbia messo un piede in fallo a causa di qualche bicchiere di troppo, dal momento che la caduta è avvenuta temporalmente dopo che la comitiva ha lasciato il locale in cui era andata a trascorrere la serata. Resta la certezza, dal racconto formulato dagli amici, gli stessi che hanno subito allertato i soccorsi, che in quel momento il ragazzo stesse tentando di scattarsi un selfie in cime alla statua equestre. Sul posto, oltre all’ambulanza del 118, si sono portate anche alcune volanti della polizia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA