Terence Hill “orgoglioso di Raoul Bova”/ Ma i fan di “Don Matteo” protestano

- Elisa Porcelluzzi

Terence Hill orgoglioso di Raoul Bova, che prenderà il suo posto nella celebre fiction “Don Matteo”. Il pubblico, invece, protesta.

terence hill youtube 640x300
Terence Hill, Youtube

Terence Hill ha vestito i panni di “Don Matteo” per ben 250 puntate, racchiuse in 12 stagioni. Da qualche settimana sono iniziare le riprese di Don Matteo 13” che segnerà l’uscita di scena del celebre prete-investigatore: “Non è prevista una puntata incentrata sull’uscita di scena di Don Matteo. Non ci saranno lacrime e abbracci. Raoul arriva nel quinto episodio e, in seguito, si scoprirà che tipo di legame lo unisce al mio personaggio: è proprio Don Matteo ad averlo scelto come successore, e poi si svelerà il motivo per cui io scompaio”, ha spiegato Terence Hill al “Corriere della Sera”. Al posto di Don Matteo, quindi, arriverà Don Massimo interpretato da Raoul Bova: “Sono orgoglioso della scelta che è stata fatta per il mio successore”, ha detto Hill sulle pagine di Nuovo Tv.

Raoul Bova al posto di Terence Hill in Don Matteo

Non tutti hanno preso con entusiasmo il passaggio di testimone tra Terence Hill e Raoul Bova nella tredicesima stagione di “Don Matteo“: “Era meglio chiudere la fiction. […] Sostituire Terence è impossibile. […] Bova è un bravo attore, ma…”, sono alcuni dei commenti apparsi sui social. Anche Maurizio Costanzo ha commentato la scelta di Raoul Bova come successore di Terence Hill nella celebre e fortunata fiction della Lux Vide: “Bova è un ottimo attore che con caparbietà saprà interpretare nel migliore dei modi Don Matteo”, ha detto il giornalista nella rubrica “Buona tv a tutti” sulle pagine di Libero. Intervistato dal Corriere della Sera, Raoul Bova ha detto: “Don Matteo è una sorta di padre spirituale del mio Don Massimo. Il mio personaggio ha alle spalle un passato misterioso, una storia travagliata, violenta, ha sfiorato la morte ed è arrivato ai suoi 40 anni senza mai indossare una tonaca da prete. Però, l’incontro con il parroco investigatore, gli cambia la vita”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA