TERREMOTO OGGI A COSENZA M 3.7/ Ingv, scossa nella notte e spavento: poi la replica

- Dario D'Angelo

Terremoto oggi a Cosenza M 3.7: l’epicentro del sisma, verificatosi nella notte, individuato dall’INGV nel comune di Aprigliano.

terremoto cosenza 11 agosto 2020 ingv 640x300
Terremoto a Cosenza 11 agosto 2020, foto da Ingv

Terremoto a Cosenza nella notte e tanta paura in tutta la provincia, dove alle 3:36 di oggi, martedì 11 agosto 2020, è stara registra una scossa di magnitudo 3.7 sulla scala Richter. Un movimento tellurico abbastanza intenso, durato alcuni secondi, che ha fatto svegliare di soprassalto migliaia di persone. Alcune di queste, dato lo spavento di un altro sisma, hanno deciso di scendere in strada. Secondo il consueto report fornito dall’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), il terremoto ha avuto il proprio epicentro nel comune di Aprigliano, più precisamente nel punto di coordinate geografiche corrispondente a latitudine 39.25 e longitudine 16.43. L’ipocentro del sisma è stato invece localizzato ad una profondità di 17 km nel sottosuolo. Al di là dello spavento, non si segnalano danni a cose e/o persone.

TERREMOTO OGGI A COSENZA M 3.7

La magnitudo 3.7 sulla scala Richter viene associata ad un terremoto “molto leggero”, che viene spesso avvertito, ma generalmente non causa danni. Così è stato anche a Cosenza, dove però lo spavento è stato molto visto anche il precedente “recente” di febbraio, quando un terremoto ha provocato diversi danni di minore entità. Alla prima scossa delle 3:36 è seguita pochi minuti dopo la temuta replica, avvenuta alle ore 3:38, ma fortunatamente di portata inferiore (magnitudo 3.0 sulla scala Richter). Questi i comuni situati nel raggio di 15 km dall’origine del terremoto: Aprigliano, Pietrafitta, Serra Pedace, Pedace, Spezzano Piccolo, Casole Bruzio, Figline Vegliaturo, Cellara, Piane Crati, Spezzano della Sila, Celico, Mangone, Parenti, Trenta, Rovito, Santo Stefano di Rogliano, Rogliano, Lappano, Zumpano, Marzi, San Pietro in Guarano, Paterno Calabro, Belsito e Colosimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA