Test ammissione Università, cambiano le date/ Nota Miur, ecco il nuovo calendario

- Claudio Franceschini

Test ammissione Università, cambiano le date: una nota del Miur ha comunicato il nuovo calendario, il primo settembre si parte con Veterinaria ma ci sono dubbi su presenza e numeri.

Aula Magna Universita Cattolica lapresse 2020
Test di ammissione Università: cambiano le date (Foto LaPresse)
Pubblicità

Il ministero dell’Università ha comunicato che, a causa della pandemia da Coronavirus e delle misure per il contenimento che sono tuttora in atto, è stato varato un nuovo calendario per i test di ammissione a quelle facoltà che prevedono un ingresso programmato. Questo, appunto, per la necessità di predisporre misure organizzative per consentire che le prove di ammissione siano svolte regolarmente; il calendario varato va a sostituire in maniera integrale quello precedente, che era già stato programmato; per adesso però non è ancora stato comunicato in che modo questi test verranno tenuti. Il ministro Gaetano Manfredi si augura che possano avvenire in presenza, ma potrebbero ancora essere a distanza (come del resto si sta facendo adesso con i regolari esami nel corso delle sessioni, ma anche con le tesi di laurea); in più, non ci sono certezze circa il numero dei posti disponibili che, test per test, verrà comunicato solo in seguito.

Pubblicità

TEST AMMISSIONE UNIVERSITA’: IL NUOVO CALENDARIO

Abbiamo comunque un possibile termine di paragone: lo stesso ministro ha anticipato al Corriere della Sera che per il test di Medicina i posti dovrebbero essere 13500. Sono più di quelli del 2019 (che non arrivavano a 12000) ma ne erano stati promessi almeno 15000 e, soprattutto, i candidati attesi sono circa 70 mila. Ad ogni modo, secondo il nuovo calendario varato nel corso dell’emergenza Coronavirus, sarà Veterinaria ad affrontare il primo test: si sarebbe dovuto svolgere il 2 settembre ma verrà anticipato di un giorno, dunque il primo dello stesso mese. Si terrà il giorno 8 il test di Professioni sanitarie, anche questo anticipato di un giorno; nessuna variazione invece per quanto riguarda Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese (IMAT) che era stato programmato per il 10 settembre e verrà regolarmente svolto in quella data. Ha invece subito uno spostamento di ben cinque giorni in avanti il test di Scienze della Formazione Primaria: non più 11 ma 16 settembre.

Anche il test del corso di laurea magistrale in Professioni sanitarie resta fissato secondo il vecchio calendario: questo esame di ammissione ai corsi tuttavia si svolgerà decisamente più tardi rispetto agli altri, vale a dire il 30 ottobre. Infine, una parola anche per quanto riguarda il test di Architettura: previsto per il 3 settembre, non è ancora stato fissato e dunque bisognerà aspettare. Sappiamo che il comunicato del ministero dell’Università ha demandato ai singoli atenei la decisione di un giorno per svolgere la prova, in questo senso il bando deve ancora essere pubblicato ma, in ogni caso, il test di Architettura si dovrebbe tenere entro il prossimo 25 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità