Titanic, storia vera del film/ Il transatlantico affondato il 15 aprile 1912

- Elisa Porcelluzzi

Titanic la storia vera: com’è affondato? Il transatlantico britannico è naufragato il 15 aprile 1912, durante il suo viaggio inaugurale, a causa della collisione con un iceberg.

Titanic
Il Titanic al momento della partenza (Wikipedia)

L’RMS Titanic, noto semplicemente come Titanic, era un transatlantico britannico della Classe Olympic della compagnia marittima inglese White Star Line (insieme a Olympic e Britannic). Il nome deriva dai “Titani”, figure della mitologia greca. Il cantiere della nave fu avviato il 31 marzo 1909 presso i cantieri Harland and Wolff di  Belfast. Lo scafo fu varato il 31 maggio 1911, mentre le prove in mare si svolsero il 2 aprile 1912. Il Titanic, come i gemelli, doveva essere molto lussuoso ispirato agli hotel di alta classe dell’epoca, come il Ritz Hotel di Londra. La costruzione della nave costò circa 7,3 milioni di dollari (174 milioni di dollari del 2010). Il comandante Edward Smith, al suo ultimo comando dopo una carriera di oltre 40 anni, era a capo degli 892 membri dell’equipaggio. I passeggeri del Titanic erano circa 1.317: 324 in prima classe, 284 in seconda e 709 in terza (ma la nave poteva ospitare fino a 2.453 passeggeri). Tra i passeggeri, anche l’industriale Benjamin Guggenheim.

La storia vera del Titanic: l’impatto con l’iceberg e l’affondamento

Il Titanic partì da Belfast il 2 aprile 1912 per giungere due giorni dopo a Southampton, dove sarebbe iniziato il suo viaggio inaugurale. La nave salpò da Southampton il 10 aprile 1912 alle ore 12:00, con destinazione New York (via Cherbourg e Queenstown). Il viaggio doveva durare 7 giorni con arrivo previsto a New York nella mattina del 17 aprile. Domenica 14 aprile 1912, dopo quattro giorni di navigazione, alle 23:40 il Titanic entrò in collisione con un iceberg. L’impatto provocò l’apertura di alcune falle sotto la linea di galleggiamento, allagando i primi 5 compartimenti stagni del transatlantico, che 2 ore e 40 minuti più tardi provocarono l’inabissamento del Titanic, alle 2:20 del 15 aprile, facendolo spezzare in due tronconi. Il transatlantico era dotato di 3560 salvagenti individuali, ma di sole 16 lance di salvataggio (più 4 pieghevoli), per una capacità totale di 1178 posti, insufficienti per tutti i passeggeri e l’equipaggio.Nel naufragio persero la vita tra le 1490 e le 1523 persone, compresi i membri dell’equipaggio. Solo 706 persone riuscirono a sopravvivere, 6 delle quali furono salvate fra le persone finite in acqua.



© RIPRODUZIONE RISERVATA