Tiziana Morandi, il fidanzato Luca: “La sposo in carcere”/ “E’ molto cattolica”

- Davide Giancristofaro Alberti

A Estate in Diretta, su Rai Uno, gli ultimi aggiornamenti sul caso della Mantide della Brianza: ecco cosa ha raccontato il fidanzato Luca

fidanzato tiziana morandi 2022 rai 640x300
Fidanzato Tiziana Morandi a Estate in Diretta

Estate in Diretta, programma di Rai Uno, è tornato ad occuparsi del caso di Tiziana Morandi, la 47enne in carcere indagata per presunta truffa ai danni di alcune persone. Il talk del primo canale ha raggiunto telefonicamente Luca, il fidanzato di quella che è stata ribattezzata la ‘Mantide della Brianza’, che ha confessato: “La sposo in carcere, noi ad agosto dovevamo fare quel passo importante, lei è innamorata di me e io sono innamorata di lui”. Quindi ha spiegato come si sono conosciuti i due: “Ci siamo conosciuti su Facebook, ci conosciamo da 11/12 anni”, e ancora: “Lei è una persona molto cattolica, andava sempre a pregare, è una ragazza innamorata di me, ride, scherza, dolce, con un modo di fare che riesce a conquistare le persone”.

Luca descrive Tiziana Morandi come una persona molto generosa e affabile: “Ha sempre portato dei regali anche a mio padre – ha proseguite il compagno della donna, che ricordiamo, si trova attualmente in ospedale per degli accertamenti a causa delle sue condizioni fisiche provate dopo l’arresto – si è sempre dimostrata una brava ragazza, nel momento di difficoltà è stata l’unica che mi ha dato una mano, mi meraviglio di una cosa del genere, non ci credo ancora adesso”.

TIZIANA MORANDI, IL FIDANZATO LUCA: “PENSANO SIA COMPLICE, NON C’ENTRO NULLA”

Poi Luca ha raccontato gli ultimi scambi di messaggi con Tiziana Morandi poco prima dell’arresto dello stesso avvenuto a fine luglio: “Io le ho fatto delle domande ma non mi ha risposto – ha proseguito il fidanzato della donna – mi ha mandato solo un messaggio dicendo che era stata arrestata. Sto vivendo una vita d’inferno, provavo un sentimento per lei, sono rimasto scioccato, vengo infangato di parole, che sono il complice, ma io non ne so niente. Io ho avuto il permesso di andare a fare colloqui – ha concluso – ma in ospedale non la posso ancora vedere, le ho mandato solo una lettera, dicendole che le sto vicino, non la condannerei mai, la sposo in carcere”, ha chiosato ribadendo.







© RIPRODUZIONE RISERVATA