TONY DALLARA/ “Incontrai Marilyn Monroe: sapeva di donna, le diedi la mano e…”

- Dario D'Angelo

Tony Dallara ospite di Beppe Convertini e Anna Falchi a C’è tempo per: il cantante racconta il suo incontro fugace con Marilyn Monroe.

tony_dallara_sabato_italiano_web
Tony Dallara a Sabato Italiano (Web)

A “C’è tempo per“, il programma della mattina di Rai Uno condotto da Beppe Convertini ed Anna Falchi, è ospite Tony Dallara. Oggetto dell’intervista del cantante reso celebre da grandi successi come “Romantica” sarà anche l’incontro con una star internazionale senza tempo: Marilyn Monroe. L’urlatore di Campobasso, intervistato da La Repubblica il 31 gennaio di quest’anno, ha già affrontato l’argomento Marilyn. Queste le sue parole: “Conosciuta solo, purtroppo, ma stavo per farci un tour assieme. Ricordo ancora la scena. Ero a New York nel 1962, in una sala zeppa di addetti ai lavori, mi presentano questa donna piccola, minuta, non l’avevo neanche riconosciuta, avvolta in un foulard. Ma bastava guardarla pochi secondi per dare i numeri. Profumava di donna, uno sguardo sexy come non ne ho mai visti, le ho dato la mano e non me la sono lavata per una settimana. Qualche mese dopo, la trovarono morta”.

TONY DALLARA E MARILYN MONROE

Nella stessa intervista concessa a La Repubblica, Tony Dallara svelò che diversamente era andata con quella che lui stesso ha definito una “altra icona sexy”. Di chi si tratta? Di Jane Russell: “Con lei il tour l’ho fatto, nel 1961. Girammo assieme l’Italia, facemmo anche il veglione di Capodanno alla Bussola di Pietrasanta, tutto il pubblico le gridava ‘Nuda! Nuda!’. Ma ne ho conosciuti all’epoca. Perry Como, crooner italoamericano popolarissimo da noi perché il suo show veniva trasmesso dalla Rai a canale unico. Mi guardò e mi disse: ‘Ma tu sì famoso’, lui, a me. I Platters, proprio i miei idoli, con cui ci scambiammo Come prima e Only you. E Dean Martin, che mi abbracciò e mi disse ‘paisà!’. Ero un divo vero all’epoca”. Ci permettiamo di correggerlo: Tony Dallara è un divo anche oggi. Il pubblico di C’è tempo per avrà modo di verificarlo con i suoi occhi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA