Traffico anabolizzanti, assolto ex nutrizionista Jacobs/ “Giacomo Spazzini innocente”

- Carmine Massimo Balsamo

L’ex nutrizionista di Jacobs, Giacomo Spazzini, era accusato di concorso nei reati di esercizio abusivo della professione medica e di truffa allo Stato

erika szabo marcell jacobs giacomo spazzini
Marcell Jacobs, oro 100 metri Olimpiadi Tokyo 2020 (LaPresse, 2021)

È stato prosciolto da tutte le accuse Giacomo Spazzini, l’ex nutrizionista di Marcell Jacobs. Il titolare della società Gs Loft, dedicata alla consulenza per il benessere fisico, era rimasto coinvolto in un’indagine della Procura di Milano su un traffico di ricettari e anabolizzanti. Come riportato dai colleghi di Repubblica, l’indagine aveva portato a numerose denunce per truffa ai danni dello Stato, esercizio abusivo della professione medica e ricettazione.

Il pm Fontana aveva già chiesto l’assoluzione per Giacomo Spazzini in occasione dell’udienza di ieri, 14 gennaio 2022, e nelle scorse ore il Gup ha accolto la richiesta, disponendo per l’ex nutrizionista di Marcell Jacobs e altre due persone il non doversi procedere perché «il fatto non costituisce reato».

Traffico anabolizzanti, assolto ex nutrizionista Jacobs

Giacomo Spazzini aveva collaborato con Marcell Jacobs dal settembre 2020 al marzo 2021ed era imputato di concorso nei reati di «esercizio abusivo della professione medica» e di «truffa allo Stato» contestati a un biologo, Antonio Armiento, che fino a gennaio 2021 lavorava nel suo centro. «Spazzini, che era indagato per concorso in esercizio abusivo della professione e truffa, è stato dichiarato totalmente estraneo ed innocente da ogni ipotesi di reato, in un filone di indagini il cui accusato principale era un ex collaboratore della società titolare del famoso centro di consulenza di benessere psicofisico con sede in Desenzano del Garda, che ha patteggiato. Con la sentenza di oggi il Tribunale ha solo confermato la verità dei fatti così come sempre raccontati dal nostro assistito», il commento degli avvocati Riccardo Lanzo e Stefano Dapolito: «Siamo molto contenti che d’ora in poi si continuerà a parlare di Giacomo Spazzini unicamente per i suoi risultati e meriti professionali».



© RIPRODUZIONE RISERVATA