IBERIA/ La compagnia aerea spagnola annuncia 4.500 esuberi

- La Redazione

International Airlines Group (Iag), holding che controlla Iberia e British Airways, ha annunciato per la compagnia spagnola un piano che prevede la riduzione di 4500 posti di lavoro

aereo_r439
Immagini di repertorio (Infophoto)

International Airlines Group (Iag), holding che controlla Iberia e British Airways, ha annunciato per la compagnia spagnola un piano che prevede la riduzione di 4500 posti di lavoro, a fronte di altri 15.500 salvaguardati. La stessa società, facendo sapere che Iberia è “in lotta per la propria sopravvivenza”, ha allo stesso tempo comunicato una flessione del 24% dell’utile netto nel terzo trimestre dell’anno a 202 milioni e una perdita netta di 39 milioni sui primi nove mesi. I tagli annunciati, che rappresentano dunque circa un quarto della forza lavoro di Iberia, potrebbero però essere addirittura più gravi: Iag ha infatti fatto sapere che, in assenza di un accordo con i sindacati, le misure da applicare per salvaguardare la compagnia spagnola potrebbero rivelarsi ancora più drastiche. La data ultima per giungere a un accordo sul piano e scongiurare quella che è stata definita “una riduzione più radicale” del personale Iberia, è stata fissata al 31 gennaio prossimo. Il direttore generale di Iberia, Rafael Sanchez Lozao, ha chiaramente fatto sapere attraverso un comunicato diffuso recentemente che “Iberia è in lotta per la sua sopravvivenza e non è profittevole su nessuno dei suoi mercati. Dobbiamo ora prendere delle decisioni difficili per salvare la compagnia e farla tornare in attivo”. Lo stesso dirigente aggiunge che “la crisi spagnola e quella europea hanno avuto un impatto su Iberia, ma i suoi problemi sono sistemici e sono iniziati ben prima di quelli del paese. La compagnia perde 1,7 milioni di euro al giorno”. Nel dettaglio, nei primi nove mesi dell’anno la compagnia spagnola ha fatto registrare una flessione di 262 milioni di euro, andando dunque a incidere significativamente sui conti della casa madre che ha infatti dovuto fare i conti con una perdita di 39 milioni nello stesso periodo. Proprio per risollevare le sorti di Iberia, almeno secondo quanto fanno sapere gli esperti, la stessa International Airlines Group avrebbe da poco messo sul piatto un’offerta d’acquisto per la compagnia spagnola a basso costo Vueling, attualmente in attivo nonostante la recessione. 

Intanto, prima di scoprire se questa operazione potrà dare i suoi frutti, la holding che controlla Iberia ha annunciato un piano di tagli che colpirà 4.500 dipendenti della compagnia aerea e che dovrebbe “salvare Iberia dopo le perdite record” del terzo trimestre. Inoltre, in questo modo si permetterà di “salvaguardare altri 15.500 posti di lavoro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori