SALONE DI PARIGI/ Mercato auto: chi si ferma è perduto

- La Redazione

Apre il Mondial de l’Automobile che si confronta con un mercato globale dall’andamento contradditorio. Le case rispondono con molte novità. Ecco quali. Di CARMELO BONGIOVANNI

Ferrari_F12berlinetta_phixr
Infophoto

Una raffica di novità in arrivo dal Salone di Parigi sta per investire il mercato dell’auto nei prossimi mesi. Le immatricolazioni nell’area dell’euro arrancano, le Case no, almeno per quanto riguarda la proposta di nuovi modelli. Nell’ultimo trimestre dell’anno e nel primo periodo del 2013 vedremo debuttare decine di nuove vetture, il cui obiettivo è soprattutto quello di tener vivo l’interesse del pubblico sull’automobile e, possibilmente, stimolarne l’acquisto. Chi si ferma è perduto, sembra essere la regola anche di questa kermesse parigina: se il mercato europeo oggi registra il segno meno, i costruttori guardano avanti, investendo energie e risorse nell’attesa che il vento cambi. Vento che, per la verità, non ha la stessa direzione in tutto il mondo. E se in Italia il clima ora è di autentica tempesta, in Europa offre tempo perturbato irregolare, con alcune schiarite come in Gran Bretagna e Germania. Ancora diversa la situazione in Cina, Paese che rappresenta ormai il primo mercato automobilistico al mondo, o in Brasile, dove le vendite appaiono sostenute anche in questi ultimi mesi del 2012. Aree del globo con incrementi costanti di immatricolazioni, anno su anno, che ricordano i tempi della nascita della motorizzazione di massa nel Vecchio Continente.  Anche in un mercato “maturo” come quello degli Stati Uniti, tuttavia, prosegue la marcia verso una “normalizzazione” dei volumi di vendita che riporti la situazione Oltreoceano più o meno ai livelli pre crisi, grazie alla continua progressione della domanda.

Tornando alle novità, c’è grande fermento nelle Case francesi che qui, alla Porte de Versaille, giocano in casa. Citroen, oltre alla già annunciata DS3 Cabrio con tetto elettrico ripiegabile in tela, svela le serie speciali DS4 e DS5 Pure Pearl e i nuovi contenuti del Club Citroën DS Privilège. Ci sono poi la C3 Picasso restyling e DS3 Electrum. Peugeot con la 208 R5 testimonia sullo stand i suoi geni sportivi. Proposte invece sotto forma di concept-car al Salone di Ginevra, le 208 XY e 208 GTi sono esposte a Parigi nella loro linea definitiva, sei mesi prima del lancio commerciale. La 208 XY propone motorizzazioni benzina ed e-HDi prestazionali e sobrie nei consumi, da 92 a 155 Cv, mentre la 208 GTi è dotata del 1.6 THP da 200 Cv, abbinato al cambio meccanico a 6 rapporti corti. Al Mondial, inoltre, è possibile scoprire anche la nuova RCZ che svela, con qualche mese di anticipo rispetto alla sua disponibilità commerciale, le carte vincenti rinnovate della coupé sportiva compatta, che ha già conquistato circa 44.000 appassionati dal lancio, avvenuto nella primavera 2010.

Renault presenta le versioni station wagon e RS della Clio, insieme alla cinque porte, ma la commercializzazione delle nuove varianti non inizierà prima del primo semestre 2013.

Al fianco delle novità della marche francesi, gli altri costruttori non stanno certo a guardare. Impossibile citare tutte le vetture nuove in arrivo da ogni parte del mondo. L’elenco supera le cento novità esposte, distribuite in ogni segmento del mercato. Partendo dalla fascia alta, il Gruppo Fiat mostra al completo la gamma di nuova generazione della Ferrari, inclusa l’ultima nata F12berlinetta. Per le auto del Cavallino, riflettori puntati anche sull’anticipazione di alcune soluzioni tecniche che verranno applicate alla nuova Enzo. Maserati, invece, espone la Gran Cabrio nella sua nuova versione MC Stradale. Nell’ambito delle vetture premium Audi, Mercedes e Bmw fanno valere la loro leadership con una serie di modelli nuovi che presto vedremo anche sulle nostre strade. In particolare, la Casa di Monaco presenta in anteprima mondiale la Concept Active Tourer, prototipo di quella che diventerà la prima auto a trazione anteriore nella storia Bmw. Inedito multispazio ibrido “plug-in”, è frutto del connubio tra un motore 3 cilindri a benzina TwinPower Turbo per le ruote anteriori e un’unità elettrica abbinata al retrotreno, per una potenza complessiva di 190 CV.

Nelle berline medie, impossibile non ammirare la settima generazione della Golf, modello Volkswagen che da quasi quarant’anni rappresenta il riferimento assoluto in quest’ambito di prodotto. A sfidarla, fra le altre, la nuova Toyota Auris, anch’essa in prima mondiale a Parigi. E per restare alle “best seller”, Ford propone al pubblico la nuova Mondeo, mentre Opel punta molto sulla Mokka, interessante Suv dalle dimensioni compatte.

Nei prossimi giorni, torneremo sulle novità di questo Mondial de l’Automobile, aperto al pubblico dal 29 settembre al 14 ottobre, scoprendo più nel dettaglio tutte le vetture che diventeranno protagoniste nei prossimi mesi.

 

(Carmelo Bongiovanni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori