Treni in tilt per Coronavirus/ Ritardi e cancellazioni, sanificazione giorno e notte

- Silvana Palazzo

Treni bloccati per Coronavirus: ritardi e cancellazioni. Trenitalia ha attivato un numero verde e un servizio sostitutivo di bus su Piacenza-Lodi. Trenord sanifica i convogli giorno e notte

Treni
Caos treni in stazione (LaPresse, immagine di repertorio)

L’emergenza causata in Italia dalla diffusione del Coronavirus e la paura del contagio hanno originato non poche problematiche in materie di circolazione ferroviaria e di affluenza a bordo dei convogli. Non solo: Trenord ha comunicato che, dando seguito alle disposizioni delle autorità sanitarie, ha messo in atto le opportune misure precauzionali tese all’assoluta tutela dei passeggeri e del personale. In cosa consistono? Nelle operazioni di sanificazione, che avvengono puntualmente a qualsiasi ora dell giornata. Come si legge nella nota ufficiale, esse sono svolte “di notte presso gli impianti di Milano Fiorenza e Novate Milanese e di giorno, durante i tempi di sosta dei treni, presso le principali stazioni di Milano”. Un’opera di pulizia profonda, volta a sanificare le superfici e a scongiurare quanto più possibile il rischio di propagazione dei virus. In tal senso, però, molto dipende anche dall’attenzione riservata all’argomento dai passeggeri. Così, mediante i propri canali di comunicazione, Trenord ha invitato gli utenti e i dipendenti alla rigida osservazione del decalogo di prevenzione approvato e diffuso dal Ministero della Salute. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

TRENI IN TILT PER CORONAVIRUS: RITARDI E CANCELLAZIONI

Treni bloccati e circolazione in tilt per coronavirus, nuovi aggiornamenti sulla situazione del trasporto in Italia di fronte all’allerta per il virus. Ieri sono stati registrati cancellazioni e ritardi anche superiori a 90 minuti, con ingenti problemi sull’alta velocità Torino-Milano-Roma-Salerno. Ieri Trenitalia ha optato per la sospensione del traffico tra Lodi e Piacenza e anche oggi ha riprogrammato la circolazione. Otto in totale le corse che sono state eliminate: in fondo all’aggiornamento troverete quali sono. Per fare fronte a questa situazione di emergenza, Trenitalia ha deciso di attivare il numero verde 800892021 ed ha attivato un servizio di bus sostitutivi tra Lodi e Piacenza. Oltre ai treni, le problematiche hanno chiamato anche in causa i bus: Trieste Trasporti ha annunciato l’avvio della sanificazione dei mezzi, invitando a prestare attenzione a mancorrenti, prese d’aria e posto guida. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

FR 9606 Napoli Centrale (5:00) – Milano Centrale (9:30)
FR 9508 Roma Termini (6:10) – Milano Centrale (9:50)
FR 9806 Bari Centrale (6:36) – Milano Centrale (13:25)
FR 9591 Firenze Santa Maria Novella (7:05) – Roma Termini (8:35)
FR 9524/9526 Salerno (7:44) – Milano Centrale (13:50)
FR 9620 Roma Termini (9:20) – Milano Centrale (12:30)
FA 8802 Ancona (5:20) – Milano Centrale (9:15)
FA 8824 Lecce (10:06) – Milano Centrale (18:55)

Treni bloccati per coronavirus, Trenord annuncia modifiche al servizio

Anche Trenord ha comunicato ai propri viaggiatori delle modifiche al servizio in seguito all’allarme Coronavirus. Dal sito trenord.it e dalll’App Trenord si apprende che “sui treni lombardi è stata rilevata un’affluenza pari al 40% di quella ordinaria, che conta ogni giorno oltre 820mila viaggiatori”. Pertanto “in seguito a questa sensibile diminuzione, dovuta alla sospensione delle attività di atenei, scuole e diverse imprese e per favorire le operazioni di sanificazione dei convogli, secondo quanto stabilito dalle Autorità sanitarie regionali, da martedì 25 febbraio il servizio di Trenord sarà rimodulato. Tali modifiche sono dettate anche dall’esigenza di assicurare massima attenzione al personale viaggiante“. Le modifiche al servizio coinvolgono le corse della linea S2, S3, S12, S9, S4 ed S11. Dal comunicato si evince anche la sospensione della regolare attività di biglietteria a Codogno e a Casalpusterlengo. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Treni bloccati per coronavirus: le modifiche di Trenitalia

Trenitalia ha fatto sapere con una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito internet e sui propri profili social che “ai clienti che hanno acquistato fino al 23 febbraio 2020 un biglietto per viaggi su Frecce, Intercity, Intercity Notte e Regionale”, riconoscerà il “rimborso integrale per qualsiasi viaggio e indipendentemente dalla tariffa acquistata, in caso di rinuncia al viaggio per Coronavirus”. Le richieste dovranno essere presentate entro il 1° marzo 2020. Più dettagliatamente, “i biglietti per viaggi su Frecce, Intercity, Intercity Notte e per viaggi misti Frecce, Intercity, Intercity Notte e Regionale saranno rimborsati con un bonus elettronico di importo pari al valore del biglietto acquistato, utilizzabile entro un anno dalla data di emissione del bonus stesso”. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito web form disponibile su trenitalia.com o presso qualsiasi biglietteria. Per leggere la comunicazione integrale, riportante anche le modalità di rimborso e di richiesta del medesimo per i biglietti connessi al trasporto regionale e/o acquistati tramite il call center, il sito trenitalia.com o l’app Trenitalia, clicca qui. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

TRENI BLOCCATI MILANO-BOLOGNA PER CORONAVIRUS

Anche i treni sono bloccati a causa del Coronavirus. Il traffico ferroviario è infatti sospeso dalle 13.30 tra Lodi e Piacenza, quindi sulla linea convenzionale Milano-Bologna, per alcuni controlli sanitari. Li stanno eseguendo nella stazione di Casalpusterlengo, mentre si procede con la riprogrammazione dei servizi di trasporto. I treni a lunga e media percorrenza della linea Alta velocità Torino, Milano, Roma e Salerno subiranno di conseguenza delle cancellazioni o deviazioni di percorso via Verona-Padova, con un allungamento medio dei tempi di viaggio di 90 minuti. Per quanto riguarda invece i treni regionali, possibili cancellazioni e limitazioni sulla linea Milano-Bologna e Bologna-Poggio Rusco. Ma sono stati attivati servizi sostitutivi con autobus tra Lodi e Piacenza e tra Bologna e Poggio Rusco. Lo comunica Ferrovie dello Stato Italiane in una nota. Resta invece interrotta la linea Alta velocità Milano-Bologna in attesa che venga ripristinata l’infrastruttura dopo l’incidente del 6 febbraio.

TRENI BLOCCATI PER CORONAVIRUS: ELENCO CANCELLAZIONI

Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, i controlli sanitari sono in corso nella stazione, non a bordo di un treno; per effettuarli è stato necessario chiudere temporaneamente la linea. Inoltre, si comunica: «A seguito di disposizioni emanate dalle Autorità competenti per la situazione sanitaria legata al Coronavirus, i treni Regionali non effettuano le fermate per servizio viaggiatori a Codogno e Casalpusterlengo». Sono stati cancellati comunque oltre 15 treni tra Frecciarossa e Frecciargento, altri sono stati cancellati parzialmente e una ventina sono stati istradati su percorsi alternativi. Il traffico ferroviario, quindi la circolazione dei treni, è stato riprogrammato a causa di una richiesta di intervento sanitario nella stazione di Casalpusterlengo. Lo ha comunicato Trenitalia che ha diramato la lista dei treni cancellati e che vi riportiamo di seguito.

TRENI CANCELLATI

  • FR 9539 Milano Centrale (13:10) – Napoli Centrale (18:12)
  • FR 9548 Napoli Centrale (14:40) – Milano Centrale (19:50)
  • FR 9321 Torino Porta Nuova (13:40) – Napoli Centrale (20:03)
  • FR 9320 Napoli Centrale (13:55) – Torino Porta Nuova (20:20)
  • FR 9640 Roma Termini (14:20) – Milano Centrale (17:30)
  • FR 9639 Milano Centrale (14:25) – Napoli Centrale (19:03)
  • FR 9648 Napoli Centrale (14:55) – Milano Centrale (19:35)
  • FR 9643 Milano Centrale (15:25) – Roma Termini (18:40)
  • FA 8813 Milano Centrale (14:05) – Lecce (22:50)
  • FA 8819 Milano Centrale (16:05) – Bari Centrale (23:36)

TRENI PARZIALMENTE CANCELLATI

  • RV 2278 Bologna Centrale (9:50) – Milano Centrale (12:45): limitato a Piacenza (11:48)
  • RV 2279 Milano Centrale (13:20) – Bologna Centrale (16:10): origine da Piacenza (14:14)
  • RV 2284 Bologna Centrale (15:50) – Milano Centrale (18:45): limitato a Piacenza (17:48)
  • RV 2286 Bologna Centrale (17:50) – Milano Centrale (20:45): limitato a Piacenza (19:48)
  • RV 2287 Milano Centrale (19:20) – Bologna Centrale (22:14): origine da Piacenza (20:14)
  • RV 2289 Milano Centrale (21:20) – Parma (22:57): origine da Piacenza (22:14)

TRENI ISTRADATI

Su un percorso alternativo tra Milano e Bologna, via Verona-Padova, con tempi di percorrenza maggiori che arrivano a 150 minuti.

  • FR 9626 Roma Termini (10:50) – Torino Porta Nuova (15:10)
  • FR 9631/8983/35821/35935/9631 Torino Porta Nuova (11:50) – Napoli Centrale (17:33)
  • FR 9637 Torino Porta Nuova (12:50) – Napoli Centrale (18:33)
  • FR 9633 Milano Centrale (13:30) – Napoli Centrale (18:03)
  • FR 9641 Torino Porta Nuova (13:50) – Roma Termini (18:10)
  • FR 9514/9528/35482/72636B/35136/31530/9528 Taranto (5:27) – Milano Centrale (14:50)
  • FR 9520/9522/17650/17656/73352/73256/35128/31526/9522 Salerno (6:51) – Milano Centrale (12:50)
  • FR 9622/35904/31346/9732B/9622 Napoli Centrale (8:25) – Milano Centrale (13:00)
  • FR 9310 Napoli Centrale (8:55) – Torino Porta Nuova (15:20)
  • FR 9628/35924/31356/8982B/9628 Napoli Centrale (9:55) – Milano Centrale (14:35)

E poi c’è un treno istradato sul percorso alternativo da Milano a Piacenza, via Voghera, Broni: IC 613/17331/73893/613 Milano Centrale (15:05) – Pescara (22:05)

Da Torino a Piacenza, via Alessandria, Voghera, Broni infine: ICN 33431/73891/1585 Torino Porta Nuova (13:30) – Reggio Calabria Centrale (8:05).

© RIPRODUZIONE RISERVATA