Tribù Rappahannock torna nella sua terra sacra/ Cacciata da coloni 400 anni fa

- Lorenzo Drigo

La tribù indigena Rappahannock dopo circa 400 anni da quando fu cacciata dai coloni inglesi, potrà tornare nella sua terra sacra e patria ancestrale, le Fones Cliffs

fones cliff 640x300
Le Fones Cliff, terra sacra della tribù indigena Rappahannock. (Youtube)

Tribù indigena Rappahannock dopo 400 anni in patria

La tribù indigena Rappahannock, nativa della Virginia, dopo circa 400 anni è riuscita a tornare in quella che considerano la loro terra sacra, la Fones Cliff sulle coste del fiume omonimo alla tribù. A farlo sapere è un comunicato stampa del Dipartimento dell’Interno degli Stati Uniti, citato da CNN. Le Fones Cliff sono particolarmente importanti per la tribù sia per ragioni storiche, rappresentando il loro insediamento originale, che per ragioni spirituali, come affermato da Anne Richardson, capo tribù. “Le aquile sono messaggeri di preghiera”, ha affermato, e “quest’area in cui si radunano è sempre stata luogo di importanza naturale, culturale e spirituale”.

La tribù indigena Rappahannock fu costretta a lasciare la sua patria ancestrale circa 400 anni fa, nel 1660. Si insediarono nella Fones Cliff per la prima volta nel 1608, trovandosi poco tempo dopo a difendere i terreni dai coloni inglesi, capitanati da John Smith. Poi, nel 1660 gli inglesi iniziarono a rimuovere con la forza la tribù Rappahannock dall’area, privandoli della loro terra sacra, da sempre luogo fondamentale per qualsiasi tribù indigena. Ora, però, a quasi 400 anni di distanza potranno finalmente tornare a calpastare la loro terra sacra, che sarà anche accessibile al pubblico.

Tribù indigena Rappahannock torna in patria: “Educheremo il pubblico sulle nostre tradizioni”

Insomma, la tribù indigena Rappahannock potrà finalmente tornare a vivere in quella che considera la sua patria ancestrale, luogo fondamentale anche perché ospita una folta popolazione di aquile calve che hanno trovato in quella zona un ottimo sito di nidificazione. Ma non si tratterà di un terreno privato ed inaccessibile, come lo sono altre aree del mondo in cui si trovano delle tribù indigene, ma pubblico. Chiunque potrà andare a visitare le Fones Cliff, dove la tribù indigena Rappahannock ricostruirà il villaggio originale del XVI secolo, insegnando ai visitatori il loro modo di vivere unico.

L’apporto della tribù indigena Rappahannock sarà anche importante per il governo americano, che potrà “attingere all’esperienza e alle conoscenza indigene per aiutare a gestire la fauna selvatica e l’habitat dell’area”, come ha dichiarato il Segretario degli Interni Deb Haaland, sempre stando a CNN. La restituzione del terreno delle Fones Cliff alla tribù è stata in parte dovuta anche al contributo di William Dodge Angle, che ha fornito i fondi necessari per il riacquisto degli acri di terreno, poi donati a titolo gratuito alla tribù Rappahannock.





© RIPRODUZIONE RISERVATA