TROPEA, CALABRIA/ Vincitore de ‘Il borgo dei borghi’ 2021: un trionfo annunciato?

- Elisa Porcelluzzi

Tropea è il vincitore de Il borgo dei borghi 2021: l’annuncio è avvenuto nel corso dello speciale del Kilimangiaro andato in onda questa sera su Rai3.

Tropea
Tropea (Wikipedia 2021)

È un grande risultato quello ottenuto da Tropea nell’ambito della sua partecipazione in gara a Il borgo dei borghi, lo speciale del Kilimangiaro condotto da Camila Raznovich nato con l’intento di designare anno dopo anno un luogo particolarmente rappresentativo delle ricchezze naturali/artistiche/culinarie d’Italia, regalandogli uno spazio in tv per presentarsi e dunque anche la considerazione che merita. Per quanto piccolo, Tropea era un comune un po’ outsider tra quelli presenti nella lista de Il borgo dei borghi. È difficile, infatti, non conoscere una cittadina così ben collocata nell’immaginario culturale delle persone, degli italiani ma anche – perché no – di chi visita il nostro paese dall’esterno. Tutti noi conosciamo Tropea per il mare – dunque per il turismo – e soprattutto per le cipolle, vero e proprio vanto di questa comunità divenuta famosa proprio a partire dalle estese coltivazioni di cipolle rosse. Tropea, insomma, era già famosa, decisamente di più rispetto ai borghi ‘sfidanti’: per questo lo riteniamo un trionfo annunciato. (agg. di Rossella Pastore)

Tropea (Calabria), finalista de Il borgo dei borghi 2021

Tropea, borgo situato in provincia di Vibo Valentia in Calabria, è in gara nella grande sfida de “Il borgo dei borghi 2021”. Conosciutissima per il suo mare e per i paesaggi, Tropea nasconde al suo interno anche gioielli architettonici e artistici. La leggenda vuole che il fondatore sia stato Ercole quando si fermò sulle coste del Sud Italia. Il suo centro storico è di origine antica come dimostra il suo dedalo di stradine e vicoli sui quali si affacciano palazzi nobiliari e chiese, oltre che terrazze panoramiche dalle quali si può scorgere il blu del mare. Durante una passeggiata a piedi nel centro storico del borgo i turisti possono scoprire anche numerose botteghe di artigiani nelle quali acquistare oggetti tipici della zona, realizzati con ferro, tessuto e terracotta. Molti dei palazzi nobiliari, eretti tra il ‘700 e l’800, sono caratterizzati sull’esterno, dagli stemmi delle famiglie nobili e da balconi suggestivi. La piazza centrale di Tropea, vero cuore del borgo, è Largo Ercole, in cui si trova Palazzo Toraldo, in cui si può ammirare anche una collezione archeologica molto importante e Villa Braghò.

Tropea: la cattedrale di Maria Santissima di Romania

Per chi desidera affacciarsi verso la marina di Tropea, i punti più belli sono Largo Villetta e Largo Migliarese. Nel centro storico del borgo si trovano anche delle splendide chiese come quella di San Francesco d’Assisi, la Cattedrale e Santa Maria della Neve, una chiesa sconsacrata. La cattedrale è dedicata a Maria Santissima di Romania, protettrice del borgo ed è conosciuta anche con il nome di Cattedrale Normanna, in quanto costruita negli ultimi anni del 1200 proprio dai Normanni. Più volte rimaneggiata nel corso dei secoli successivi, la Cattedrale è stata costruita in tufo e la Madonna di Romania si può vedere in copia già sulla facciata esterna, mentre l’originale si trova all’interno posizionata sull’altare maggiore. A Tropea oltre a visionare le opere d’arte è anche possibile acquistare prodotti tipici come i salumi e la frutta secca e l’olio d’oliva locale. Tra le spiagge nelle vicinanze da ricordare Capo Vaticano e Pizzo Calabro, assolutamente da vedere insieme alle Grotte di Zungri e Serra San Bruno. Clicca qui per vedere il video di presentazione di Tropea



© RIPRODUZIONE RISERVATA